FORMULA 1

Zhou: "Kobe fonte d'ispirazione per me fin da quando ero più interessato al basket che ai motori"

Per il suo debutto nel Mondiale il pilota cinese ha scelto il numero del grande campione della NBA scomparso poco meno di due anni fa.

di
  • A
  • A
  • A

Ci sarà (anzi, c'è già) il numero 24 di Kobe Bryant sul muso dell'Alfa Romeo con la quale Guanyu Zhou farà il suo debutto in Formula Uno al Gran Premio del Bahrein del prossimo 20 marzo. Primo pilota cinese della massima formula, il 22enne Zhou ha motivato in un'intervista a Speedweek la scelta del numero che la NBA ha ritirato dopo la scomparsa del campione il 26 gennaio del 2020 insieme alla figlia Gianna e ad altre sette persone, quando l'elicottero sul quale si trovavano precipitò a causa della nebbia in una zona collinare alla periferia di Los Angeles.

"Kobe Bryant è sempre stato per me una grande fonte d'ispirazione, fin da quando ero più interessato al basket che ai motori. La cosa che mi ha sempre colpito è stata la sua etica professionale. Nonostante fosse già il più grande, lavorava instancabilmente su sé stesso. Si svegliava all'alba ogni giorno, iniziava ad allenarsi, poi accompagnava i suoi figli a scuola ed al rientro riprendeva gli allenamenti. Oltre a questo, 24 è quattro volte sei e il 6 è un numero fortunato nel mio Paese". 

Queste le parole con le quali Zhou ha spiegato la sua scelta. Campione di Formula 3 Asia e terzo nel campionato di Formula 2 del 2021, il 22enne Zhou ha debuttato al volante dell'Alfa Sauber spinta dalla power unit Ferrari nei test che hanno seguito il Gp di Abu Dhabi che poco meno di un mese fa ha chiuso il Mondiale e si appresta a diventare il primo pilota del suo Paese impegnato a tempo pieno nella massima formula, affiancando Valtteri Bottas nella formazione di Alfa Romeo Sauber, al cento per cento rinnovata dopo il ritiro di Kimi Raikkonen e la decisione del team elvetico di non rinnovare il contratto di Antonio Giovinazzi. E già nel test di Yas Marina la C41 di Guanyu esibiva il numero 24 ispirato alla leggenda dell'NBA.

Da più parti criticata per le sue motivazioni "geopolitiche" e finanziarie, la scelta di Zhou al posto del pilota italiano affronta ora il banco di prova più impegnativo: quello della pista. Dove Guanyu dovrà mostrarsi degno non diciamo del campione NBA al quale ha dichiarato di ispirarsi ma almeno dei suoi colleghi. Portato a termine l'indispensabile apprendistato, s'intende.

In attesa di vedere i "numeri" di Guanyu in pista, tocca accontentarsi... della numerologia spiccia, ricordando che - oltre ad essere quattro volte sei (numero fortunato in Cina) - ventiquattro è anche... otto volte 3, il numero portato in gara da Zhou l'anno scorso nel campionato cadetto e che... lo stesso 8 era il numero stampato sulla casacca dei Lakers di Kobe Bryant prima di convertirsi al 24. I conti tornano, quindi? Beh, aspettiamo di vedere Guanyu all'opera in pista e magari ne riparliamo alla fine del Mondiale 2022!

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti