LE PAGELLE DI SPIELBERG

Russell l'opportunista. Piastri non buca lo schemo, per Sainz godimento puro

Tanti gli spunti interessanti e controversi generati da uno dei GP più movimentati della stagione

di
  • A
  • A
  • A
Russell l'opportunista. Piastri non buca lo schemo, per Sainz godimento puro - foto 1
© Getty Images

GEORGE RUSSELL: VOTO 7,5 Al posto giusto nel momento giusto, come si suol dire. George è bravo e fortunato a trovarsi nella posizione migliore per approfittare al massimo grado del fattaccio che cambia le sorti del GP. La neutralizzazione virtuale che ne è seguita è stata breve ma sufficiente a blindare la seconda vittoria del pilota inglese che può adesso puntare alla top five del Mondiale, distante solo sette punti mentre si avvicina (anzi è imminente) il suo Gran Premio di casa, alla quale arriva quindi con motivazioni straordinarie. Più delle sue lo sono solo quelle di Norris, si capisce!

Russell l'opportunista. Piastri non buca lo schemo, per Sainz godimento puro - foto 2
© Getty Images

LANDO NORRIS&MAX VERSTAPPEN: VOTO 5

Reso giustamente onore alla vittoria di Russell, eccoci infatti al momento clou dell'undicesimo appuntamento del Mondiale. L'epilogo della loro sfida tra il 62esimo e il64esimo giro del GP d'Austria li ha separati in classifica, le nostre pagelle li accomunano in una insufficienza che - meglio circostanziata - è una sorta di sospensione di giudizio. Il delirio da onnipotenza impedisce a Verstappen di vedere oltre la sua insaziabile sete di vittoria ma nemmeno Norris brilla per lucidità nel momento-chiave. La McLaren è a tanto così dalla Red Bull ormai, non si poteva accontentare di un secondo posto? Evidentemente no, bisognerebbe proprio essere dentro l'abitacolo per comprendere. Infatti sospendiamo in buona sostanza il giudizio e ribadiamo una volta ancora che queste pagelle sono solo un gioco.

Russell l'opportunista. Piastri non buca lo schemo, per Sainz godimento puro - foto 5
© Getty Images

OSCAR PIASTRI: VOTO 7

Due volte sul secondo gradino del podio nello spazio di ventiquattr'ore o poco più. L'australiano rimpingua il suo bottino di punti con il miglior parziale stagionale: venticinque punti (quelli del vincitore) in un colpo solo, anzi due. Ed è proprio questo il... problema: le interpretazioni di Oscar non sono esattamente... da Oscar. Piastri non "buca" (ancora) lo schermo. Il tempo è dalla sua parte ma la concorrenza non aspetta, ad iniziare dal suo compagni di squara che si è messo in testa un'idea iridata.

CARLOS SAINZ: VOTO 6,5

Tiene dietro per tutto il fine settimana austriaco il compagno di squadra e per lo spagnolo in uscita dalla Rossa questo deve essere godimento allo stato puro. Puntava a dare battaglia alle Mercedes: missione compiuta a metà, però quello che si è lasciato alle spalle è il pilota che nel 2025 siederà al suo posto nell'abitacolo della Rossa. Siamo sempre lì insomma. Godimento puro-bis, anzi al quadrato.

LEWIS HAMILTON: VOTO 5

Perde contatto dal compagno di squadra nella classifica generale all'epilogo di un Gran Premio nel quale - è questa la circostanza più emblematica - poco ci manca che l'odiato Verstappen non lo preceda sul traguardo nonostante il patatrac di curva tre e la sosta ai box. Smalto solo a tratti e un generale appannamento di motivazioni da finale di avventura "stellata". 

Russell l'opportunista. Piastri non buca lo schemo, per Sainz godimento puro - foto 4
© Getty Images

CHARLES LECLERC: VOTO 5

Di motivazioni ne ha da vendere il monegasco, solo che i lustrini monegaschi sono ormai sbiaditi: venticinque punti nel Principato, solo dodici tra Montreal, Barcellona e Spielberg. La retta via è smarrita, le pieghe del carattere di Charles sono ben più tortuose da affrontare. In più, a Spielberg gliene sono successe di tutti i colori e non tutte per sua diretta responsabilità. VOTO 5 insomma anche alla FERRARI.

Russell l'opportunista. Piastri non buca lo schemo, per Sainz godimento puro - foto 6
© Getty Images

NICO HULKENBERG: VOTO 8 (MAGNUSSEN)

Il tedesco "toppa" la Sprint ma è autore di una delle sue migliori e più coriacee performances della sua carriera, in proporzione al mezzo che guida, con un finale di gara all'arma bianca che regala un domenica da sogno a lui e al Team Haas, nel quale si ritaglia uno spazietto anche KEVIN MAGNUSSEN (VOTO 7) che chiude lui pure in zona-punti, per un bilancio che permette alla squadra americana di allungare su Alpine nel Mondiale Costruttori e di coltivare un sogno: dare battaglia a VISA Cash App eccetera eccetera per la sesta casella della classifica.

Russell l'opportunista. Piastri non buca lo schemo, per Sainz godimento puro - foto 3
© Getty Images

 PIERRE GASLY&ESTEBAN OCON: VOTO 5

Inseparabili come i pappagallini (anzi come Norris e Verstappen) nelle nostre pagelle e pericolosamente vicini anche in pista. D'altra parte la Alpine sta crescendo come macchina, logico che Esteban e Pierre (a nostro giudizio simili anche per dosi di talento) si trovino spesso e volentieri (beh mica tanto) a dividere la stessa porzione di asfalto. Non combinano guai come Lando e Max ma la "cordata" Gasly-Ocon poteva fare qualcosa in più di raccattare un solo punto (con Gasly) al termine del GP più "alpino" del Mondiale.

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti