INCUBO FERRARI

Leclerc: "Non possiamo fare miracoli". Vettel: "Andrà meglio"

Il tedesco delude e si piazza undicesimo, il monegasco partirà dalla settima posizione

  • A
  • A
  • A

E' un Sebastian Vettel sconsolato quello che cammina deluso nel paddock al termine di una Q2 nel GP d'Austria da dimenticare. Undicesimo tempo per il pilota tedesco che, dopo 6 anni, non rientra nella bagarre per la conquista della pole. "E' una sorpresa, pensavamo di avere di più in tasca, ma gli altri sono andati in modo più conservativo" le parole del quattro volte campione del mondo che, a fine stagione, saluterà la Ferrari.

Era l'11 ottobre 2014, si correva a Sochi e Vettel guidava per le ultime gare la Red Bull prima di volare alla Ferrari. Non succedeva da 6 anni che il tedesco fosse fatto fuori in Q2, ma in Austria è un pomeriggio da dimenticare. Vettel, che dalla prossima stagione non sarà più al volante della Rossa, non ha nascosto la sua delusione per il risultato tutt'altro che entusiasmante: "Non sono contento dalle macchina, domani è una partita diversa e la gara sarà lunga. In configurazione di gara la macchina è un pochino meglio, saremo lì e ci giocheremo le nostre carte".

Vedi anche GP Austria: Bottas a sopresa in pole davanti ad Hamilton. Ferrari indietro: Leclerc settimo, Vettel 11esimo Formula 1 GP Austria: Bottas a sopresa in pole davanti ad Hamilton. Ferrari indietro: Leclerc settimo, Vettel 11esimo

LECLERC: "DAREMO TUTTO COME SQUADRA"

Partenza dal settimo posto invece per Charles Leclerc che si è detto fiducioso per il futuro e per la gara di domani: "Bisogna lavorare e costruire una macchina migliore per il futuro, oggi non abbiamo ottenuto il risultato che volevamo ma non dobbiamo demoralizzarci".

"Dobbiamo continuare a lavorare sui piccoli dettagli, domani dobbiamo mettere i punti ma i miracoli sono difficili. Proveremo a lavorare al meglio per le prossime gare" ha proseguito Leclerc. "La chance per tornare in alto c'è, non per lottare con le Mercedes. Daremo tutto come squadra e piloti" ha concluso il pilota Ferrari.

 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments