F1: Hamilton e il fattaccio di Baku

L'inglese della Mercedes a Motorsport.tv: "Non avevo mai fatto questo con nessun altro"

  • A
  • A
  • A

In un'intervista esclusiva concessa a "The Flying Lap" di Motorsport.tv, Lewis Hamilton ha parlato del contatto con Vettel in regime di safety car a Baku. "Quando ho parlato con lui, gli ho detto tipo: non mancarmi mai di rispetto così, altrimenti avremo dei problemi. Non avevo mai fatto questo con nessun altro - ha ammesso il campione del mondo -. Non so neanche cosa pensasse di fare, non sono mai stato in una situazione come quella". 

Non c'è dubbio che il momento di maggiore tensione in pista tra Lewis Hamilton e Sebastian Vettel in lotta per il titolo mondiale sia avvenuto nel GP dell'Azerbaigian di giugno. Durante il regime di safety car al giro 20 il ferrarista tamponò l'inglese, scatenando un mare di polemiche. In gara Seb si vide infliggere una penalità di 10 secondi, poi nei giorni seguenti il chiarimento con Lewis e il 'perdono' della Fia, che chiuse il caso con le scuse (a scoppio ritardato) del tedesco della Ferrari. Vettel se la cavò con una condanna di tipo 'sociale'(attività educative nei campionati delle serie minori, Formula 2, 3 e 4).

A distanza di qualche mese Hamilton rivela, così, quanto detto al rivale il lunedì dopo il fattaccio in terra azera e di come ha mantenuto la calma. "Non avevo intenzione di lasciarmi dire qualcosa o di reagire in un modo che potesse causare un vortice negativo che mi avrebbe allontanato dal mio obiettivo finale". Obiettivo poi alla fine pienamente raggiunto, proprio ai danni del tedesco.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments