Defender 130 Outbound

Una Land Rover Defender speciale per la Croce Rossa Italiana

Una Defender unica nel suo genere celebra i 70 anni della duratura collaborazione con la Croce Rossa Italiana e i 160 anni del movimento umanitario internazionale

  • A
  • A
  • A

Una Land Rover Defender speciale per la Croce Rossa Italiana - foto 1
© Ufficio Stampa

Negli ultimi 70 anni Defender ha collaborato con la Croce Rossa offrendo un supporto umanitario a livello globale con uno spirito pionieristico. Quest'anno ricorre il 160° anniversario della fondazione del movimento della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa, nato a Solferino, in Italia.  Per celebrare questi due momenti storici, Defender mette a disposizione della Croce Rossa Italiana una Defender 130 Outbound specificatamente equipaggiata. 

La vettura è stata modificata con il supporto degli specialisti della Croce Rossa Italiana per gestire le emergenze straordinarie. Il veicolo, infatti, utilizzerà la sua inarrestabile capacità all-terrain per supportare gli interventi di risposta ai disastri in caso di alluvioni, smottamenti e frane. La Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa ha celebrato quest'anno il suo 160° anniversario a Solferino, in Italia, luogo di nascita della più grande organizzazione umanitaria del mondo. Migliaia di componenti della famiglia della Croce Rossa, volontari, istituzioni e partner si sono riuniti il 21 e il 22 giugno presso il sito della Battaglia di Solferino, per celebrare l'inizio del movimento che Henry Dunant, il fondatore, aveva immaginato 160 anni fa.

Una Land Rover Defender speciale per la Croce Rossa Italiana - foto 2
© Ufficio Stampa

Negli ultimi 70 anni, Defender è stata partner della Croce Rossa, sostenendo le comunità vulnerabili e ambienti in crisi in tutto il mondo. Dal 1954, il suo spirito pioneristico ha avuto un impatto sulla vita di oltre 2 milioni di persone in più di 50 Paesi. Per onorare questi due traguardi, Defender e la Croce Rossa Italiana hanno annunciato una nuova collaborazione a Solferino, con l'aggiunta di una Defender 130 Outbound alla flotta di pronto intervento in caso di disastri. Il crescente impatto dei cambiamenti climatici e l'aumento dell'intervento umano sui territori hanno modificato in modo significativo le richieste che giungono ai soccorritori di emergenza.

La nuova Defender 130 Outbound servirà come mezzo d’intervento e come piattaforma per la tecnologia di connessione della Croce Rossa Italiana, fungendo da stazione satellitare mobile per mantenere le comunicazioni nelle aree colpite da disastri. Fornirà una connessione continua a livello nazionale, assicurando che la mobilitazione della Croce Rossa Italiana non sia mai compromessa da interruzioni della rete cellulare, un problema comune durante i disastri idrogeologici legati ai cambiamenti climatici.

Una Land Rover Defender speciale per la Croce Rossa Italiana - foto 3
© Ufficio Stampa

Il progetto pionieristico prevede l'utilizzo della tecnologia satellitare attraverso un'antenna parabolica montata sul tetto del veicolo. La tecnologia satellitare è già utilizzata nelle unità statiche di emergenza della Croce Rossa Italiana, ma sarà impiegata per la prima volta su un'unità mobile attraverso la Defender 130 Outbound, sempre pronta ad affrontare i terreni più impervi e le condizioni più difficili.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti