Calcio ora per ora

U17 CAMPIONE D'EUROPA CELEBRATA A EMPOLI

  • A
  • A
  • A
Ora per ora placeholder

Un'altra serata di emozioni fortissime. Empoli e i tifosi Azzurri hanno riservato alla Nazionale Under 17 l'applauso che questi ragazzi si sono meritati. Mercoledì sera, a Limassol, la squadra di Massimiliano Favo si è regalata una gioia mai vissuta in questa categoria dalla Federazione italiana: 'L'europeo maledetto', era stato definito alla vigilia, ma il tabù è stato spezzato da questi 21 giovani calciatori provenienti da club di tutta Italia, che ieri sera si sono ritrovati al 'Castellani' pochi giorni dopo il trionfo di Cipro e poche ore dopo - discorso valido per i giocatori di Roma e Milan - essere stati avversari nei quarti di finale del campionato Under 17. Italia e Bosnia ed Erzegovina, prima dell'amichevole di Empoli, hanno accolto la squadra, lo staff guidato dal capodelegazione Filippo Corti (l'ultimo a entrare, con la coppa tra le mani) e il coordinatore delle Nazionali giovanili Maurizio Viscidi, che nell'intervallo dell'ultima amichevole prima della partenza della Nazionale maggiore per la Germania hanno poi effettuato il giro d'onore, dopo che il Ct Spalletti prima degli inni nazionali aveva stretto la mano a ogni protagonista dell'impresa. Lo speaker li ha chiamati uno per uno, dai portieri (diventati tre dopo che Alessandro Longoni è stato costretto al forfait, sostituito da Alessandro Nunziante a due giorni dalla finale), fino a Francesco Camarda, autore di una doppietta nella finale contro il Portogallo e al capitano Mattia Mosconi, che ha ripetuto a Empoli l'alzata di coppa di Limassol.

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti