SERIE B

Serie B: poker del Crotone, vittorie per Salernitana e Chievo

Pescara steso 4-1 e quarto posto riconquistato. I campani piegano 1-0 in casa il Livorno, con lo stesso risultato i veneti passano sul campo del Pordenone

  • A
  • A
  • A

La 25.ma giornata di Serie B regala il quarto posto al Crotone, che stende in casa il Pescara con un netto 4-1: reti di Simy, Messias, Armenteros e Benali. Vincono anche Salernitana e Chievo, entrambe per 1-0. I campani trovano il gol vittoria contro il Livorno al 6’ grazie al tap-in vincente di Djuric; i veronesi entrano in zona playoff passando sul campo del Pordenone con il gran destro a giro di Garritano all’12’.

CROTONE-PESCARA 4-1
Non c’è partita allo Scida, con i calabresi che schiacciano gli abruzzesi con un’impressionante prova di forza già nel primo tempo. Al 9’ un grande assist di Armenteros consente a Simy di controllare in area di rigore e poi con il sinistro di battere Fiorillo. Dopo uno squillo di Memushaj (Cordaz devia sopra la traversa), il Crotone sfiora il raddoppio al 17’, quando Benali lancia sulla corsa Simy che si presenta tutto solo dinanzi a Fiorillo: tocco sotto a scavalcare il portiere ma Bettella salva sulla linea. Messias colpisce il palo al 20’ e le molteplici occasioni da gol create dalla squadra allenata da Giovanni Stroppa permettono comunque ai padroni di casa di piazzare un uno-due fulmineo tra il 33’ e il 35’: prima Messias raddoppia con un delizioso tocco sotto, poi Armenteros sigla il tris col mancino dopo avere raccolto una corte respinta di Fiorillo.

Non c’è possibilità alcuna per il Pescara di rientrare nel match, anche perché a inizio ripresa il Crotone cala il poker: Mazzotta entra in area e scarica per Simy, che con il destro cerca un tiro di prima intenzione, ribattuto da Fiorillo, e sulla respinta Benali anticipa tutti e insacca in rete. Il gol della bandiera abruzzese viene segnato da Galano che gira col mancino in rete, su assist di Memushaj. Il Crotone risale in quarta posizione e si avvicina allo Spezia terzo.

SALERNITANA-LIVORNO 1-0
Successo sofferto quello della Salernitana contro il Livorno sempre più ultimo in classifica, ma che comunque permette di scalare le zone alte del campionato cadetto. Nonostante un buon inizio dei toscani, sono i padroni di casa a portarsi in vantaggio al 6’: Lopez crossa dalla sinistra, Zima buca l’uscita, sfiorando soltanto il pallone. Djuric, ben appostato, deve soltanto spingere in rete. Salernitana ancora attiva al 20’: Lopez passa in mezzo a due avversari e calcia in porta dalla lunga distanza. Pallone alto. Al 25’ Aya spunta sul secondo palo e impatta il cross morbido del compagno senza però inquadrare lo specchio. Al 35’, su un pallone che la retroguardia ospite non riesce ad allontanare, si fionda Dziczek che prova la conclusione poco oltre il limite dell’area. Palla che si alza oltre la traversa della porta di Zima.

A inizio ripresa Marras dalla sinistra rientra e prova la conclusione di destro; alta sopra la traversa. Al 62’ Kiyine recupera palla in mezzo al campo e arriva fin dentro l’area di rigore; sul suo tentativo di destro è attento Zima. Gondo gira di testa il 2-0 ma è netta la sua posizione di fuorigioco e, in pieno recupero, Marras ha il pallone dell’1-1 con una rasoiata mancina che sfiora il palo alla destra di Micai.

PORDENONE-CHIEVO 0-1
Il Chievo sorpassa in classifica proprio il Pordenone ed entra in zona playoff. Dopo un sinistro fulminante di Meggiorini, uscito di poco alla sinistra di Di Gregorio, i veronesi riescono comunque ad andare avanti all’12’: Giaccherini apparecchia, Djordjevic fa velo e Garritano col destro a giro sul secondo palo non dà scampo al portiere avversario. Cinque minuti più tardi Ciurria prova a spaventare Semper dalla distanza, ma la sfera termina fuori. L’attaccante ex Spezia non riesce poco dopo a controllare l’assist di Burrai spedendo il pallone fuori. Nel finale di primo tempo, sugli sviluppi di un calcio di punizione, prova la ribattuta Renzetti, ma blocca Strizzolo in scivolata.

Al 51’ Djordjevic prova il tiro ma si rivela impreciso; Pobega prova il destro improvviso ma si salva Semper. L’occasione più clamorosa del secondo tempo la crea il Chievo a 10’ dalla fine: Renzetti trova al centro Vignato che schiaccia di testa, Di Gregorio devia sulla traversa e poi Bassoli spazza. Allo scadere Pobega impegna Semper quasi da terra.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments