SERIE B

Serie B: il Crotone fa tris a Venezia e sorpassa il Frosinone

Il 3-1 permette ai calabresi di volare in seconda posizione. Ciociari sconfitti in casa 2-0 dalla Cremonese, il Pordenone è quarto. Derby al Pisa

  • A
  • A
  • A

Il sabato della 28esima giornata di Serie B regala il secondo posto al Crotone. I calabresi sbancano Venezia 3-1 con doppietta di Benali e rete di Marrone e sorpassano in classifica il Frosinone, costretto al ko interno contro la Cremonese di Bisoli; i lombardi passano 2-0 grazie a Parigini e ad una magia di Castagnetti. Terza vittoria consecutiva per il Pordenone: 2-0 a Cittadella e quarta posizione. Salernitana ko a Perugia; al Pisa il derby contro il Livorno.

VENEZIA-CROTONE 1-3
Quarta vittoria consecutiva per il Crotone, ora secondo a +2 sul Frosinone. I calabresi sbloccano la situazione a loro favore al Penzo al 12’: Molina pesca in area Benali con un lancio perfetto, stop al bacio dell’ex Pescara e conclusione che termina alle spalle di Pomini. La squadra allenata da Giovanni Stroppa comanda le operazioni e raddoppia meritatamente al 36’: è perfetto lo schema su punizione di Barberis, che serve Messias il quale a sua volta fa sponda per Marrone. Il colpo di testa dell’ex Juventus vale il 2-0 per il Crotone, che rimane tale all’intervallo anche perché la conclusione di prima intenzione di Capello trova la grande risposta di Cordaz, che devia in angolo. Il tris ospite non tarda ad arrivare a inizio ripresa: Benali riceve palla al limite dell’area e fulmina Pomini con una conclusione che termina sotto l’incrocio dei pali. Caligara accorcia le distanze all’83’ ma ormai è troppo tardi.

FROSINONE-CREMONESE 0-2
Primo ko del Frosinone nel 2020. Parigini porta a sorpresa in vantaggio i lombardi: pallone di Valzania, che sullo scarico di Piccolo scucchiaia un pallone che taglia la difesa del Frosinone, il numero 33 sbuca alle spalle di Salvi e, complice l’indecisione di Bardi, fa 1-0 di testa. I ciociari reagiscono alla mezz’ora con Dionisi che piazza il destro, riuscendo a imprimere potenza al suo tentativo: vola Ravaglia, che respinge in corner. Per i padroni di casa, però, si fa notte fonda: la Cremonese vola sul 2-0 al 50’ con un gol pazzesco di Castagnetti, autore di un tiro da centrocampo che scavalca beffardamente Bardi. Oltre a tutto questo, la formazione di Alessandro Nesta rimane in dieci uomini per la seconda ammonizione per Dionisi, forse per qualche parola di troppa proferita all’indirizzo dell’arbitro Fourneau. Laziali ora terzi; la Cremonese vede la zona salvezza più vicina.

CITTADELLA-PORDENONE 0-2
Terzo successo di fila per il Pordenone, che sorpassa proprio il Cittadella e lo Spezia, raggiunge il quarto posto e si avvicina alla terza posizione occupata dal Frosinone. I friulani spingono fin dall’inizio e vanno sull’1-0 al 17’: sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto dalla sinistra, cross al centro dell’area e colpo di testa di Barison che non sbaglia. Semenzato e Strizzolo sfiorano il raddoppio nel finale di primo tempo. I padroni di casa tentano di rendersi pericolosi nella ripresa, ma sono costretti a subire il 2-0 al 78’. Ciurria entra in area da sinistra, si accentra e calcia colpendo sul braccio Pavan: per l’arbitro è calcio di rigore e lo stesso Ciurria è impeccabile dal dischetto, incrociando verso destra e spiazzando Paleari. La corsa ai playoff è accesissima.

PERUGIA-SALERNITANA 1-0
Brutto top per la Salernitana in chiave playoff. Dopo 23 minuti di gioco il punteggio si sblocca: su un cross dalla fascia sinistra si sviluppa l’azione che determina il vantaggio perugino quando Melchiorri, marcato da Lopez, sporca il cross favorendo l’inserimento di Mazzocchi che si avventa sul pallone e con un destro potente trafigge Micai. La sfida del Renato Curi non offre nel complesso grandissime emozioni. Nel secondo tempo Di Chiara accelera sulla sinistra ma il suo tiro al volo s’infrange sull'esterno della rete. Un’uscita spericolata di Vicario, che va letteralmente a togliere il pallone dalla testa di Jallow e rinvia poi di piede, provoca qualche brivido per il Perugia, che riesce comunque a mettere fine alla sequenza negativa di cinque sconfitte consecutive.

EMPOLI-TRAPANI 1-1
Un pareggio che non può soddisfare fino in fondo nessuna delle due formazioni, con il Trapani che viene beffato nel finale con un autogol. Dopo due ottime occasioni per Dalmonte, i siciliani riescono comunque a portarsi in vantaggio al Castellani allo scadere del primo tempo: Strandberg batte velocemente la punizione e serve Pettinari, che davanti a Brignoli non sbaglia. A inizio ripresa un tiro a botta sicura di Mancuso trova ancora l’opposizione di Kastrati, al 77’ La Mantia sfiora il palo e, a tre minuti dalla fine, l’Empoli acciuffa il pari: incredibile errore di Pagliarulo, che svirgola il calcio d’angolo di Ciciretti infilando rocambolescamente il pallone nella propria porta.

PISA-LIVORNO 1-0
Il Pisa si aggiudica il derby toscano contro il Livorno, si allontana dalla zona retrocessione e si avvicina addirittura ai playoff. Il primo tempo è molto fisico senza particolari emozioni. Al 3’ il Pisa va vicinissimo al vantaggio, con Gucher che scarica un destro potente su sponda di Masucci: pallone che esce di pochissimo. Sul fronte opposto, Ferrari fa da sponda per Agazzi che, tutto solo al limite dell’area, lascia partire una conclusione un po’ sbilenca che finisce in curva. A inizio ripresa Vido si coordina ma liscia malamente il pallone che termina fuori. Marconi sfiora l’eurogol con un tiro dai 30 metri, ma i padroni di casa vanno avanti al 63’: Lisi si porta il pallone sul destro e lo scarica sotto l’incrocio dei pali. Plizzari prova a toccare, ma la conclusione è perfetta e s’insacca in rete. È la rete che decide la sentitissima sfida. Livorno sempre più ultimo.

RISULTATI E CLASSIFICHE

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments