L'ANNUNCIO

Ora è ufficiale: Stankovic ha firmato per la Sampdoria fino al 2023

Il club blucerchiato ha reso noto che il nuovo allenatore sarà la guida tecnica fino alla fine della stagione con un'opzione per un altro anno

  • A
  • A
  • A

"L’U.C. Sampdoria dà il benvenuto a Dejan Stankovic in qualità di allenatore responsabile della prima squadra fino al 30 giugno 2023 con opzione fino al 30 giugno 2024. Al tecnico e al suo staff un buon lavoro e un sincero in bocca al lupo da parte del presidente Marco Lanna, del Consiglio di Amministrazione e di tutta la società". Questo il comunicato con cui il club blucerchiato ha annunciato l'ufficialità del nuovo tecnico. 

Così la società blucerchiata ha ufficializzato l'arrivo del tecnico serbo che oggi pomeriggio dirigerà il primo allenamento e sabato debutterà nella trasferta di Bologna. Prende il posto di Marco Giampaolo che è stato esonerato domenica dopo la sconfitta casalinga col Monza (3-0). Stankovic era anche nel mirino dell'Inter nel caso in cui la società nerazzurra avesse deciso di rinunciare a Simone Inzaghi. Il nuovo allenatore è il terzo serbo a guidare la Samp dopo Boskov e Mihajlovic e avrà come vice l’ex giocatore blucerchiato Nenad Sakic, che in panchina era stato al fianco proprio di Mihajlovic, dal 2013 al 2015, durante la sua avventura blucerchiata.

Ora resta da scoprire come cambierà tatticamente la squadra. L'ex tecnico della Stella Rossa predilige il 4-2-3-1. Il rientro dell’inglese Winks e Villar in mezzo al campo potrebbero comporre la linea mediana. Sulle corsie potrebbe trovare spazio ancora Leris con Pussetto dall'altra parte, mentre alle spalle della punta uno tra Sabiri e Djuricic sarà chiamato a svolgere il ruolo di trequartista. La difesa, invece, dovrebbe rimanere quella utilizzata da Giampaolo.

STANKOVIC AI TIFOSI: "STATE CON NOI, POSSIAMO FARE GRANDISSIME COSE"
"Ciao a tutti, tifosi della Sampdoria. Promesse non ne posso fare, ma orgoglio sudore e impegno. Ce la mettiamo tutta, state con noi che insieme possiamo fare grandissime cose, un abbraccio forte a tutti". Così il nuovo tecnico della Sampdoria Dejan Stankovic in un messaggio ai tifosi blucerchiati pubblicato sul profilo Instagram del club. Al sito della Samp il neo allenatore ha aggiunto: "Non ho guardato ai due punti ottenuti finora ma alla storia di questo club. In Serbia siamo cresciuti con il mito della Sampdoria di Boskov e solo perché si giocò sul neutro di Sofia non feci il raccattapalle nella sfida di Coppa dei Campioni con la mia Stella Rossa. Sakic qui è stato calciatore prima e vice di Mihajlovic poi: all’epoca riuscirono a centrare la salvezza e sono certo che mi darà una grossa mano anche questa volta. Si giocherà tra due giorni ma nei grandi club anche due giorni possono bastare per preparare una partita importante. Sappiamo che ci sarà da soffrire ma da ora in avanti ogni gara andrà affrontata come una finale e, come diceva il mio ex allenatore e amico José Mourinho, le finali non si giocano si vincono. Dovremo sicuramente cambiare atteggiamento e responsabilizzarci perché abbiamo il dovere di difendere l’orgoglio della Sampdoria".

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti