QUI ROMA

Roma, Mourinho: "Agli occhi del potere siamo piccolini. Non commento il gol né il rosso a Zaniolo"

Lo Special One: "Questo non è più calcio, chiamiamolo in un altro modo"

  • A
  • A
  • A

José Mourinho è contrariato per il pareggio contro il Genoa, con il gol annullato nel finale e il rosso a Zaniolo. "Non voglio commentare. Posso commentare la partita ma non il gol ne il rosso a Zaniolo - ha attaccato lo Special One - Se quelle sono le indicazioni che gli arbitri hanno e quello è fallo dobbiamo cambiare nome a questo sport, non è più calcio. Se l’arbitro ha sbagliato e doveva valutare il gol, lui sarà il primo a essere non contento e per noi Roma è un dejà vu. Nell’arco della stagione è successo tante volte per noi. Domani è un altro giorno. La Roma agli occhi del potere è piccolina”.

Mou ha poi proseguito il suo sfogo in conferenza stampa, parlando del rosso a Zaniolo: "Pensate che se Zaniolo avesse giocato con Inter, Juve o Milan sarebbe stato espulso? Ha solo ripetuto tre volte ad Abisso "Che c**** hai fischiato?". Non sarebbe mai successo a Lautaro, Chiellini o Ibrahimovic nei loro stadi. Noi siamo piccolini".

Il tecnico portoghese, visibilmente contrariato, analizza così il match dell'Olimpico. “Il Genoa è una squadra che gioca per i punti salvezza e per questo motivo gioca così. Fa una partita brutta ma dove è riuscito a portare a casa il suo punto. Non è questa una critica perché anche io farei così in una condizione come la loro - ha spiegato ai microfoni di Dazn -. Nel primo tempo non abbiamo dato profondità e continuità. Nel secondo tempo abbiamo cambiato dinamica con i cambi e per il posizionamento. Abbiamo fatto dei triangoli creando tanto con la posizione giusta per segnare anche se è mancata l’ultima cosa. Grande occasione per Zaniolo che la mette alta dopo un assist da sinistra. Nel secondo tempo anche in 11 contro 11 abbiamo fatto il possibile per vincere. Penso che la squadra che fa di più per vincere merita, ma credito al Genoa che ha fatto la partita che voleva e ha preso il punto che voleva”.

Ci sono, però, anche note positive. “Oggi ho sentito per la prima volta una panchina che mi poteva aiutare a vincere. Non lo abbiamo fatto ma ho visto che avevamo soluzioni per cambiare molto. Abbiamo più opzioni con Stephan e Felix e con loro abbiamo creato abbastanza. Non abbiamo fatto gol e quello che abbiamo fatto è stato annullato".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti