QUI ROMA

Roma, Fonseca: "Partita realista. In Europa c'è più spazio per giocare"

Il tecnico dopo lo Shakhtar: "Ibanez quasi non ricordava nulla dopo lo scontro. I quarti traguardo storico per la Roma"

  • A
  • A
  • A

Paulo Fonseca soddisfatto dopo il 2-1 della sua Roma allo Shakhtar Donetsk nel ritorno degli ottavi di Europa League: "Era importante entrare bene in partita e non prendere gol nei primi 30 minuti. Lo Shakhtar ha avuto l'iniziativa, ma abbiamo difeso sempre bene, nel secondo tempo ci siamo riposizionati e abbiamo iniziato ad avere più palleggio e occasioni per fare gol. Abbiamo fatto una partita realista, era importante vincere qui, la Roma non lo aveva mai fatto e non era mai arrivata ai quarti".

Getty Images

"Le mie idee più adatte al calcio europeo che italiano? No, abbiamo dimostrato di esserci adattati al calcio italiano. In queste competizioni c'è più spazio per giocare, le squadre devono vincere", ha spiegato il portoghese. "Come sta Ibanez? Adesso bene, non si ricordava quasi nulla della partita", ha proseguito.

"I tecnici italiani fuori dalle coppe? Una coincidenza, gli allenatori italiani sono bravi. Non possiamo dimenticare che l'anno scorso l'Inter è andata in finale" il parere di Fonseca.

Infine sulla corsa alla Champions in Serie A: "Non è facile, in Italia ci sono sette squadre molto forti che vogliono entrare nei primi quattro posti e che adesso giocano solo per il campionato. Noi abbiamo anche l'Europa League. Ma vogliamo lottare fino alla fine, sappiamo che non è facile".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments