IL PROTAGONISTA

Favola Cistana, dalla Serie D alla Nazionale in quattro stagioni

Prima chiamata in azzurro per il centrale del Brescia classe 1997: nel 2017 giocava nel Ciliverghe Mazzano

  • A
  • A
  • A

Dalla Serie D alla Nazionale Maggiore in quattro anni. E' questa la favola di Andrea Cistana, uno dei tre volti nuovi delle ultime convocazioni di Roberto Mancini. Una scalata incredibile, iniziata in sordina sui campi di provincia ed esplosa in Serie A. Teatro che, con la maglia del Brescia, ha dato al centrale classe 1997 l'opportunità di dimostrare le sue qualità e attirare anche le attenzioni del ct. Un talento da testare in azzurro insieme agli altri giovani più promettenti del campionato italiano, ma con una storia particolare alle spalle. 

In sole quattro stagioni, infatti, Cistana ha bruciato le tappe, sorprendendo un po' tutti. Bresciano di nascita e cresciuto nelle giovanili delle "Rondinelle", nel 2016-2017 il ragazzo va a farsi le ossa in prestito al Ciliverghe Mazzano, club di Serie D della provincia di Brescia, e colleziona 28 presenze. Esperienza di formazione importante, che abitua subito il difensore a lottare e crescere rapidamente. Dentro e fuori dal campo. Dopo un breve rientro nella Primavera del Brescia, nella seconda parte della stagione 2017/2018 Cistana si trasferisce infatti in prestito al Prato in Serie C, mostrando subito maturità e convincendo il presidente Cellino a riportarlo a casa base per l'anno successivo.

Vedi anche Nazionale, i 29 convocati di Mancini: prima chiamata per Cistana, Castrovilli e Orsolini Qualificazioni Euro 2020 Nazionale, i 29 convocati di Mancini: prima chiamata per Cistana, Castrovilli e Orsolini

Idea condivisa con Eugenio Corini, che in Serie B piazza immediatamente il ragazzo in campo, facendolo diventare uno dei perni inamovibili della squadra e della promozione. Una crescita continua, realizzata step dopo step a fari spenti e culminata con la convocazione in Nazionale dopo un avvio di stagione in Serie A super e un gol contro il Bologna. Un sogno ad occhi aperti. Che ora si tinge anche di azzurro. 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments