QUI NAPOLI

Napoli, Gattuso: "Risultato bugiardo, a tratti poco equilbrio"

Il tecnico dei partenopei prova a smorzare gli entusiasmi: "Senza il 2-0 di Zielinski avrei cambiato modulo. Koulibaly? Mi dispiacerebbe perderlo"

  • A
  • A
  • A

Gennaro Gattuso si gode il roboante 6-0 con cui il Napoli ha annientato il Genoa, ma prova a smorzare gli entusiasmi e riportare i suoi con i piedi per terra: "Il risultato è bugiardo - ha detto il tecnico - Abbiamo creato tanto, è vero, ma anche sofferto, concedendo qualcosa nel primo tempo. Dopo 7/8 minuti del secondo stavo per inserire un centrocampista e passare al 4-3-3 perché c'era poco equilibrio, poi è arrivato il gol di Zielinski". Ringhio si è concesso anche una battuta su un possibile addio di Koulibaly: "Spero che rimanga con noi, egoisticamente mi dispiacerebbe perderlo. È un giocatore importante che ci sta dando tanto. Mi auguro che non arrivi qualche chiamata...".

Gattuso si è poi soffermato sui singoli, in particolare su Lozano e Osimhen: "A Lozano non sto regalando nulla, oggi è un giocatore diverso. Ha forza nelle gambe e quando calcia non cade a terra come i ragazzini. Non avevo nulla contro di lui l'anno scorso, conoscevo molto bene il Lozano del PSV. Era uno che attaccava sistematicamente la linea difensiva, ma nella passata stagione non era al meglio dal punto di vista fisico e mentale. Victor ci dà la possibilità di giocare in maniera diversa. L'anno scorso chiedevamo alla punta centrale di venire a legare, quest'anno invece stiamo facendo qualcos'altro e lui quando attacca gli spazi può essere pericoloso".

Per quanto riguarda il modulo, i lavori sono ancora in corso: ""Riuscire a sviluppare gioco con il 4-2-3-1 è difficile. Non sono contento della fase di non possesso, anche oggi spesso siamo finiti a fare un '5+1'. In alcune occasioni non mi è piaciuto neanche il palleggio, venivamo chiusi in maniera troppo facile. Parlo di entrambe le fasi, dobbiamo migliorare".

Infine, l'imminente faccia a faccia con l'ex compagno di reparto, Andrea Pirlo: "Io mi aspetto Juventus-Napoli, non Pirlo contro Gattuso. Ho qualche capello bianco, ma sono ancora giovane. Mi auguro di giocarci contro ancora tante volte. Suona strano, perché nove anni fa eravamo protagonisti in campo. Su di me nessuno avrebbe scommesso un centesimo, sulla carriera che sto facendo... Gli avevo detto che sarebbero stati cavoli suoi quando è diventato allenatore della Juve, ora deve dimostrare di essere bravo e avere conoscenza".

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments