MILAN-SPEZIA 1-2

Serie A: Milan-Spezia 1-2, Gyasi stende il Diavolo al 96'

Uno straripante Leao non basta ai rossoneri: Agudelo e l'italo-ghanese gelano San Siro. Clamoroso errore di Serra che non dà il vantaggio sul 2-1 di Messias al 92'

  • A
  • A
  • A

Nella 22a giornata di Serie A, il Milan perde 2-1 in casa con lo Spezia e manca il sorpasso in vetta all'Inter. Uno straordinario Leao mette alle corde i liguri: il portoghese si procura un rigore che Hernandez calcia fuori (45') e un minuto dopo sblocca il match. Nella ripresa Agudelo trova il pari al 64'. Al 92' Messias fa 2-1, ma l'arbitro Serra aveva erroneamente fermato prima l'azione per un fallo su Rebic. Al 96' la beffa di Gyasi.

LA PARTITA
Quella che doveva essere la sera del grande sorpasso in vetta ai danni dei cugini è diventata la sera della grande beffa per il Milan, uscito da San Siro con zero punti e la rabbia di aver buttato via una grandissima occasione anche, ma non solo, per il grave errore dell'arbitro Serra. Il direttore di gara non ha concesso clamorosamente il vantaggio a Messias dopo un fallo di Kovalenko su Rebic al 92', una svista incredibile resa ancora più amara dal gol di Gyasi all'ultimo secondo, che regala a Thiago Motta tre punti fondamentali nella corsa salvezza: dopo il Napoli, per l'italo-brasiliano un altro scalpo di grande valore. Il Milam, comunque, ci ha messo anche del suo, soprattutto per un primo tempo in cui lo scatenato Leao ha messo a ferro e fuoco la difesa spezzina e chiuso solo con un gol di vantaggio nonostante la decina di occasioni nitide create. I ragazzi di Pioli hanno poi regalato gran parte del secondo tempo a uno Spezia che ha cambiato volto con l'ingresso di Agudelo e il forcing finale con le due punte (Ibra e Giroud) non è bastato a conquistare tre punti e vetta.

Pioli fa un solo cambio rispetto all'11 che ha vinto col Venezia: Krunic per lo squalificato Tonali. In attacco Ibra, con alle spalle il terzetto formato da Saelemaekers, Diaz e Leao. Thiago Motta recupera Nzola, che non è al meglio e lascia il posto in attacco a Manaj. Bastoni e Kiwior, due difensori, a centrocampo.

Troppo ghiotta l'occasione per sorpassare l'Inter in vette e così il Diavolo parte fortissimo trascinato da un Leao semplicemente incontenbile. Il portoghese spaventa Provedel dopo nemmeno 2' (destro a giro largo di poco), poi al 16' lascia sul posto Amian e costringe il portiere spezzino alla miracolosa parata di piede. Tutte le azioni più pericolose passano dai suoi piedi e al 24' il suo destro termina alto di poco. Ibra svaria molto e al 27' costringe ancora Provedel alla parata di piede. Lo Spezia del primo tempo è tutto in un sinistro di Reca salvato da Maignan in due tempi (29'). Il Milan va al tiro con estrema facilità e al 40' Saelemaekers impegna ancora severamente Provedel, vero eroe di serata. Fino al minuto 42', quando controlla male un rimessa laterale di un compagno e colpisce Leao. In un primo momento l'arbitro Serra fischia gamba tesa del portoghese, poi richiamato dal Var torna sulla sua decisione e assegna il rigore. Sul dischetto, come in Laguna, va ancora Theo Hernandez che angola troppo e calcia a lato baciando il palo (45'). Poco male, perché dopo un minuto il Milan la sblocca, approfittando di un altro errore della retroguardia ligure: Nikolaou svirgola il lancio di Krunic e apparecchia il pallone a Leao che con un pallonetto supera Provedel. Lo Spezia protesta per un presunto fallo su Manaj in avvio di azione, ma per Serra è tutto regolare e si va al riposo con i rossoneri in vantaggio e in testa alla classifica.

Leao è scatenato e al 57' lascia ancora sul posto il povero Amian servendo Saelemaekers, ancora una volta murato da Provedel. Thiago Motta si gioca la carta Agudelo per l'evanescente Manaj e lo Spezia ci crede e si rende pericoloso. Maignan è reattivo su Amian (59'), il più classico dei campanelli d'allarme. Al 64', infatti, Agudelo è il più lesto sul cross teso di Verde e pareggia. Il Diavolo fatica a riorganizzarsi, Pioli manda in campo anche Giroud per l'assalto finale. Gli ospiti in contropiede sfiorano il colpaccio con il colombiano e Kovalenko, prima del convulso e contestatissimo finale di gara. Dopo l'erroraccio di Serra, Ibra per due volte si vede negare il gol da Provedel (la seconda con l'aiuto della traversa), poi all'ultimo secondo il gol di Gyasi che scrive il copione più incredibile e inaspettato. 

LE PAGELLE
Leao 7,5
- Anche stasera si conferma l'uomo più in forma dei rossoneri, assolutamente devastante quando parte palla al piede. Impegna Provedel, si procura il rigore sbagliato da Hernandez e sigla il gol dell'illusorio 1-0 con un delizioso pallonetto. Cala un po' nella ripresa, ma è uno spettacolo vederlo giocare.
Maignan 6,5 - Incolpevole sui due gol, è sempre attento e compie anche tre parate decisive.
Theo Hernandez 5,5 - Meno esplosivo del solito, ha sulla coscienza il rigore sbagliato nel finale del primo tempo. Decisamente meno brillante che a Venezia

Provedel 7,5 - Uno degli eroi di serata della squadra spezzina. Commette un grave errore in occasione del rigore su Leao, ma compie 6 autentici miracoli, in particolare sul portoghese e nel finale su Ibra. Saracinesca
Agudelo 7,5 - Entra al 58' per lo spaesato Manaj e cambia volto e inerzia del match. Il gol dell'1-1 è da rapinatore d'area, con la sua velocità manda in tilt il Milan.
Gyasi 7 - Gara soprattutto di sacrificio dell'esterno offensivo, che ha il merito di farsi trovare pronto al 96' sull'assist di Kovalenko e segnare un gol che passerà allo storia del club.

IL TABELLINO
MILAN-SPEZIA 1-2
Milan (4-2-3-1)
: Maignan 6,5; Florenzi 6 (25' st Calabria 6), Kalulu 5,5, Gabbia 5,5, Theo Hernandez 5,5; Krunic 6, Bakayoko 6; Saelemaekers 6,5 (12' st Messias 6), Diaz 5,5 (25' st Giroud 6), Leao 7,5 (38' st Rebic); Ibrahimovic 7. A disp.: Tatarusanu, Mirante, Castillejo, Maldini, Di Gezù, Stanga. All.: Pioli 6
Spezia (4-3-3): Provedel 7,5, Amian 5, Erlic 6,5, Nikolaou 5, Reca 6 (32' st Ferrer 6), Bastoni 6,5, Kiwior 6, Maggiore 6 (35' st Kovalenko 6), Gyasi 7, Manaj 5 (13' st Agudelo 7,5), Verde 6,5. A disp.: Zoet, Zovko, Sala, Hristov, Nzola, Antiste, Sher, Strelec, Bertola. All.: Thiago Motta 7
Arbitro: Serra
Marcatori: 46' pt Leao (M), 19' st Agudelo (S), 51' st Gyasi (S)
Ammoniti: Gyasi (S), Kalulu (M), Kiwior (S), Provedel (S), Gabbia (M), Maggiore (S), Bastoni (S)
Espulsi:
Note: Al 45' Theo Hernandez (M) calcia fuori un rigore

LE STATISTICHE
•    Lo Spezia ha vinto tre delle sei gare di Serie A contro avversarie che occupavano le prime due posizioni in classifica a inizio giornata di campionato (1N, 2P).
•    Il Milan ha effettuato 25 conclusioni in questa gara: era da dicembre 2017 contro il Verona (31) che non ne effettuava così tante in una partita di Serie A in cui è uscito sconfitto.
•    Rafael Leão è il giocatore di Serie A che è stato coinvolto in più gol nel 2022 in tutte le competizioni: cinque (tre reti, due assist).
•    Rafael Leão ha segnato il suo sesto gol in questo campionato, eguagliando il suo miglior rendimento in una singola intera stagione di Serie A (sei anche nel 2020/2021 e nel 2019/2020).
•    Entrambe le reti di Kevin Agudelo in Serie A con lo Spezia sono arrivate in trasferta (la precedente nell’ottobre 2020 contro il Parma).
•    Daniele Verde ha servito tre assist in questo campionato, non ha mai fatto meglio in una stagione di Serie A (tre anche nel 2017/2018 con il Verona).
•    Il Milan ha sbagliato otto rigori dall’inizio della scorsa stagione in Serie A, più di ogni altra squadra.
•    Zlatan Ibrahimovic ha giocato oggi la sua 150ª partita con la maglia del Milan in tutte le competizioni, a 11 anni e 128 giorni dal suo esordio con i rossoneri.

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti