PARLA L'EX DS

Milan, riecco Mirabelli: "Il nostro Milan arrivò in Europa, contrario a giocatori dell'età di Ibra"

L'ex ds dei rossoneri ha parlato a Radio Sportiva: "Del nostro lavoro è rimasto qualcosa di buono, il ritorno di Zlatan bello per i tifosi..."

  • A
  • A
  • A

A un anno e mezzo dalla fine della sua avventura come ds del Milan, coincisa con l'acquisizione della società rossonera da parte del fondo Elliot, Massimiliano Mirabelli è tornato a parlare del suo periodo da dirigente, rivendicando i risultati del proprio lavoro: "È rimasto qualcosa di buono, quella squadra arrivò due volte in Europa League e sfiorò la Champions -ha detto ai microfoni di Radio Sportiva - Ibra? Un bel ritorno per i tifosi, ma sono contrario all'arrivo di giocatori di 38-39 anni".

Mirabelli ha parlato innanzitutto di mercato, sottolineando le difficoltà di piazzare colpi importanti nella finestra invernale. Si è poi soffermato su quello che è stato il colpo più chiacchierato di gennaio, ossia il ritorno di Ibrahimovic in rossonero: "È una bella storia perché il giocatore ha scritto delle pagine importanti in Italia e nel club. Sicuramente non è più l'Ibra di un tempo, ma nel mercato di gennaio bisogna accontentarsi. Io comunque sono contrario all'acquisto di giocatori di quell'età, perché l'obiettivo deve essere sempre competere con le squadre spagnole, inglesi e tedesche".

Per quanto riguarda il suo operato (dall'aprile 2017 al luglio 2018), il ds cosentino non ha dubbi: "Ai cicli serve tempo per costruirsi, guardate quelli di Juventus e Liverpool. Il nostro Milan, nonostante tutte le difficoltà, è riuscito ad arrivare due volte in Europa".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments