Milan a valanga: André Silva ha i numeri del 9, Kessié esalta come Gattuso

Contro un avversario modesto, i nuovi acquisti hanno divertito San Siro. Montolivo ritrova il feeling con i suoi tifosi

di MAX CRISTINA

Milan a valanga: André Silva ha i numeri del 9, Kessié esalta come Gattuso

Una serata così i tifosi del Milan la aspettavano da anni. Passi l'avversario più che modesto come lo Shkendija, ma i 40mila di San Siro hanno vissuto novanta minuti divertenti, emozionanti come la riapertura della porta d'Europa dopo una lunga assenza. Nella serata amarcord dell'addio di Van Basten ha brillato il nuovo numero 9, Andrè Silva, capace di infiammare il pubblico con la doppietta. Kessié e un ritrovato Montolivo hanno fatto il resto.

La fotografia della serata milanista però paradossalmente sta in un gol sbagliato, quello di Cutrone al 92' con la rovesciata fuori di pochissimo che sarebbe valsa il settimo gol e la standing ovation tanto per l'attaccante quanto per l'ennesima giocata riuscita e ottima della partita di Montolivo. Un'azione ben orchestrata e sfumata per questione di centimetri, provata e sfiorata a tempo scaduto con sei gol già in archivio e quindi, non necessaria ai fini del risultato. Ma voluta, cercata, provata per divertirsi e divertire. Che è poi la vera missione stagionale e che in parte sta già avvenendo: ritrovare il feeling con se stessi e con i tifosi per continuare ad alimentare una ritrovata passione che si è riversata a San Siro in una calda notte di agosto.

Prima al Milan di Montella era riuscito praticamente tutto, contro un avversario da partitella del giovedì che ha permesso alla squadra di non sforzarsi fuorigiri in vista del delicato esordio in campionato a Crotone, ma che ha fornito indicazioni utili non solo dal punto di vista tattico. Se i riflettori di stadio e non solo erano tutti sulla prova da capitano, la prima da titolare a San Siro, di Leonardo Bonucci, il discorso prepartita ha acceso la luce anche sulle prestazioni di pedine fondamentali dello scacchiere rossonero. Innanzitutto André Silva, chiamato a riscattare la storia recente del numero 9 di rossonero vestito e mettere a tacere i primi mugugni estivi. Detto, fatto. Due gol in meno di mezz'ora e solo tre palloni toccati per convertirne uno in rete. Una prova di sostanza, con ampi di margini di crescita come sottolineato dallo stesso Montella. Ancora un po' fragile nei contrasti e nella protezione di palla - per intenderci, ecco perché Montella desidererebbe avere Kalinic davanti - nella ripresa ha sfiorato più volte la prima tripletta colpendo un palo e chiamando il portiere avversario al miracolo sul colpo di tacco in area. Segnali positivi, comunque.

Una conferma, invece, la prova in mezzo al campo di Franck Kessié. Un dominatore su tutti i palloni, capace di infiammare lo stadio con i suoi recuperi e la sua grinta come non si vedeva dai tempi d'oro di Gattuso, ma con una qualità offensiva di tutto rispetto. Non a caso le prime occasioni della partita sono state le sue, il feeling con Suso ha spaccato la gara sulla fascia destra con l'aiuto del già compagno di squadra all'Atalanta Andrea Conti, un motorino meno perpetuo rispetto agli schemi di Gasperini ma solo per questioni tattiche. Sulla destra Montella può avere le prime certezze.

Infine la sfida contro lo Shkendija ha riconsegnato a San Siro e ai tifosi milanisti un Riccardo Montolivo d'annata. L'ex capitano rossonero, nella prima partita ufficiale privato della fascia, ha sfoderato una prestazione praticamente perfetta e sublimata dalla prima doppietta in rossonero. Un centinaio di palloni giocati con solo 4 errori di tocco e i fischi degli ultimi mesi prima dell'infortunio della scorsa stagione trasformati in applausi convinti. Chissà, per Montella potrebbe diventare un bellissimo dilemma da piazzare davanti alla difesa da alternare con Biglia.

I NUMERI DEL MILAN

• L’ultima volta che il Milan ha segnato sei reti in una partita europea è stato nell’ottobre 1993, in trasferta contro il Copenaghen (6-0 in quell’occasione); in casa invece si risale al 1962 contro l’Union Luxemburgo (8-0).
• È la quinta occasione in cui una squadra italiana ospita in partite europee un team macedone: finora in casa i club italiani hanno sempre vinto senza mai subire gol.
• L’ultima volta che il Milan ha segnato tre reti nella prima frazione di gioco in una competizione europea è stata nella finale di Champions League del 2005 contro il Liverpool.
• André Silva ha trovato il suo primo gol con il terzo pallone toccato nel match.
• L’ultima doppietta in una competizione europea da parte di un giocatore del Milan è stata di Kevin-Prince Boateng nell’agosto 2013 contro il PSV.
• In questa partita Frank Kessié ha giocato 104 palloni ed effettuato cinque contrasti, più di ogni altro giocatore del Milan.
• L’ultimo gol di Riccardo Montolivo in partite ufficiali è stata 1222 giorni fa: nell’aprile 2014 contro il Catania; prima doppietta in rossonero per lui.
• Erano 204 giorni che Luca Antonelli non vestiva da titolare la maglia del Milan (ultima il 25/01 vs la Juve in Coppa Italia). 

TAGS:
Milan
Europa League
Montolivo
Kessie
Andre Silva

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X