IL CASO

La Lazio punirà Luis Alberto: "Prenderemo provvedimenti"

Sembra scongiurato il rischio di finire fuori rosa, ma per lo spagnolo si profila una maxi multa e uno stop forzato per le prossime due gare

  • A
  • A
  • A

In casa Lazio la stoccata social di Luis Alberto continua a fare molto rumore. Nonostante le scuse del giocatore, infatti, la posizione dello spagnolo resta complicata. Da una parte Lotito e Tare sono imbufaliti per le dichiarazioni del centrocampista e presto dovrebbe arrivare una punizione ("Prenderemo provvedimenti", ha dichiarato il direttore della comunicazione del club). Dall'altra Inzaghi cerca invece di fare da mediatore per "limitare i danni" in vista dei prossimi impegni.

luis alberto
Getty Images

Vedi anche Lazio, Luis Alberto si scusa: "Ho sbagliato e ci metto la faccia" lazio Lazio, Luis Alberto si scusa: "Ho sbagliato e ci metto la faccia"

Secondo quanto riporta Il Messaggero, al momento non è stata ancora presa una decisione ufficiale della società nei confronti dell'ex Liverpool, ma l'impressione è che per lo spagnolo il rischio di finire fuori rosa sia scongiurato.

 Resta invece valida la possibilità di una maxi multa e di uno stop forzato di due gare (Crotone e Zenit). Tutto con tanta delusione sullo sfondo. Soprattutto da parte di Tare, in passato sempre molto vicino al giocatore e ora profondamente ferito dalle sue parole. 


"PRENDEREMO PROVVEDIMENTI"
Sul caso Luis Alberto l'irritazione della Lazio è palese. E a chiarire il pensiero del club sulla questione ci pensa Stefano De Martino, direttore della Comunicazione biancoceleste. 

"Luis Alberto è un calciatore straordinario, è fondamentale per la Lazio, ma le regole valgono anche per lui: se ti lasci andare ad una considerazione sbagliata, anche se a caldo, la Società prenderà provvedimenti con lo spagnolo come avrebbe fatto con qualsiasi altro calciatore tesserato - ha spiegato a Lazio Style Radio -. Quando deve intervenire, la Società interviene sempre e così accadrà anche con Luis Alberto". "Noi diamo massimo supporto ai giocatori anche nella gestione dei profili social privati - ha concluso -. Il caso, comunque, è chiuso".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments