La mamma di Belardinelli: "Non lo giustifico ma lasciatelo in pace"

Il post su Facebook: "Uomo generoso e figlio affettuoso: che sia ricordato come io lo ricordo fuori dal mondo del calcio"

  • A
  • A
  • A

La mamma di Daniele Belardinelli, il tifoso morto negli scontri prima di Inter-Napoli, rompe il silenzio su Facebook: "Nessuno sa cosa provo. Leggo che era un delinquente ma io sono quella che l'ha tenuto tra le braccia, che lo sgridava per ogni sbaglio ma anche che ha avuto i suoi abbracci. Era un figlio affettuoso e generoso, non lo giustifico ma vi chiedo di lasciarlo in pace. Riposa in pace figlio mio" le parole di Viviana Priester.

"Mio figlio è morto da un giorno e nessuno può avere idea di cosa possa provare, perché è indescrivibile. Daniele era un figlio affettuoso e un uomo generoso, solare e sorridente e non il figlio che descrivete. Che riposi in pace e sia ricordato come io lo ricordo fuori dal calcio: uomo, figlio, padre, marito e fratello dolcissimo. Ora deve riposare, grazie se mi avete compreso" conclude la madre di Belardinelli.

La Curva Nord dell'Olimpico di Roma si è svuotata nella zona di solito occupata dagli ultras degli Irriducibili Lazio. È il gesto degli Irriducibili, la frangia più calda della tifoseria biancoceleste, gemellata con quella interista, in segno di protesta contro la decisione di non far entrare nello stadio, in occasione della gara Lazio-Torino, lo striscione in ricordo di Daniele Belardinelli, l'ultrà interista morto durante gli scontri che hanno anticipato Inter-Napoli di mercoledì scorso. Poco prima lo stesso striscione, con la scritta "Un ultras non muore mai Daniele con noi" (foto cittaceleste.it), era stato esposto nell'adiacente piazza di Ponte Milvio alla presenza di circa un centinaio di tifosi. In seguito, al grido "Daniele uno di noi" gli Irriducibili della Lazio sono tornati a riempire la Curva Nord dell'Olimpico. Mancano, però, tutte le bandiere e le effigi del gruppo.

"Chi non lo è stato proprio non lo può capire, ciao Dede. I camerati ti salutano" questo un secondo striscione (che, diversamente dal primo, non era previsto entrasse all'Olimpico) esposto dai tifosi della Lazio sul ponte Milvio per ricordare Daniele Belardinelli.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments