JUVENTUS

Cristiano dice 99 e spaventa il Milan. Domenica il big match verità

Il portoghese fa tutto in 7 minuti e "vola" al secondo posto. Che lotta per la Champions

di
  • A
  • A
  • A

Non si ferma e non si fermerà Cristiano Ronaldo. Nel buio di Udine, con una squadra incapace di dare fastidio ai padroni di casa, spicca il volto e il piede di CR7 che firma una doppietta, rimonta i bianconeri friulani e mette la Juve al secondo posto in classica, in quel mucchio selvaggio che dice punti 69 così come Atalanta e Milan.
Il Milan, già, proprio il Milan. Domenica prossima all'Allianz si scontreranno per un big match che promette scintille... o meglio fuori d'artificio. Perché un posto Champions League conta sempre più di qualsiasi cosa.
Ora il cammino della sua Juventus dice Milan, appunto, poi Sassuolo, Inter e Bologna a chiudere. 
Pirlo non deve distrarsi, CR7 nemmeno. Una Champions ancora da conquistare e una stagione da riprogrammare per intero. Ancora col bomber portoghese protagonista.

Non c'è tempo per pensare a quanto si sia perduto in questa stagione e scudetto a parte è stato difficile replicare le glorie e i fasti degli altri anni. Cristiano ha messo il suo personalissimo contributo perché i numeri parlano sempre chiaro e indicano la strada. E' capocannoniere in Serie A con 27 gol e i 100 gol in bianconero sono ormai quasi raggiunti: è, infatti, a 99 così come Dybala.

Un bomber, vero, e non c'era certo bisogno di questa stagione per capirlo.
Il 5 volte Pallone d'Oro è una macchina da guerra e meglio di lui nei 5 campionato europei più importanti ha fatto solo il famelico Lewandowski con reti 36.
C'è poi da dire che CR7 non pare quello visto negli ultimi anni. Ieri per 82 minuti è apparso addirittura irritante e scollegato dal gioco. Ma si sa, poi il crisma del campione rimane e risolvere una partita (e un campionato) può essere davvero un attimo.

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments