IL RITORNO

Juventus, Pirlo allenerà l'U23: "Felicissimo di partire da qui". Agnelli: "In futuro in prima squadra"

L'ex centrocampista bianconero: "Gli anni lontano dal campo mi hanno fatto capire che è la strada giusta per me"

  • A
  • A
  • A

Dopo cinque anni Andrea Pirlo torna alla Juventus, ma in una veste completamente nuova. Sarà lui il nuovo allenatore dell'Under 23 bianconera in Lega Pro, prendendo il posto di Fabio Pecchia: "È un orgoglio cominciare qui questa carriera da allenatore - ha commentato il centrocampista campione del mondo 2006 - spero di poter rivivere le emozioni vissute da calciatore. Non vedo l'ora di cominciare perché questi anni lontano dal campo mi hanno fatto capire che questa era la strada giusta".

All'inizio di una carriera in panchina, la domanda d'obbligo è sui maestri avuti in passato e anche Andrea Pirlo non si è tirato indietro: "Tutti gli allenatori avuti in carriera mi hanno dato qualcosa, da Ancelotti a Lippi fino ad Allegri. Ognuno però deve fare la propria strada - ha commentato in conferenza stampa il nuovo allenatore della Juventus U23 - e io in testa ho il mio modo di giocare, cioè con il possesso palla e la voglia di giocare per vincere. Da giocatore odiavo delle cose e non vorrò rivederle in campo".

Da allenatore nello staff della Juventus il rapporto con Sarri sarà d'obbligo e stimolante: "Mi sarebbe piaciuto giocare in questa Juventus - ha ammesso Pirlo -, il gioco di Sarri mi piace perché il playmaker gioca tanti pallone e mi sarei trovato bene. Consigli da Sarri? Conosco i giocatori dell'Under 23, li seguo già da un anno e sicuramente sono migliorati allenandosi con la prima squadra. Sicuramente vorrei creare un rapporto con Sarri per favorire la crescita dei ragazzi, pur sapendo che io sono al di sotto della prima squadra".

Pirlo sarà una figura importante per i ragazzi bianconeri: "Dovrò spiegare loro cos'è la Juventus, tutti i nostri avversari vorranno batterci e dovremo essere bravi a dimostrare chi siamo". Un rapporto quello con i bianconeri sbocciato dopo dieci anni di Milan: "In questa famiglia mi sono trovato bene e anche dopo essere andato via ho mantenuto i rapporti".

Ma come giocherà la Juventus U23 di Andrea Pirlo? "I moduli non sono fondamentali - ha commentato l'ex centrocampista -, bisogna vedere gli uomini a disposizione e metterli nella condizione di rendere al meglio. Bisogna occupare bene gli spazi, conta quello. Mi piace avere le responsabilità, le ho da quando ho 14 anni. A tutti piacerebbe fare come Zidane e Guardiola e ho avuto offerte anche da società di Serie A e Premier League, ma questa mi sembrava la scelta migliore per cominciare".

ANDREA AGNELLI: "IL PERCORSO LO PORTERA' IN PRIMA SQUADRA"
Siamo qui oggi per presentare il nuovo allenatore dell’Under 23 che conoscete tutti molto bene. Da calciatore lui ha scritto una parte fondamentale della storia che stiamo continuando a scrivere. Comincia questa sua avventura come allenatore da noi e di questo siamo fieri ed orgogliosi. Spero per lui che sia il primo passo di una carriera ricca di soddisfatti. Lo fa in un progetto che noi abbiamo fortemente voluto. Un percorso di cui mi sono reso conto che inizialmente era un problema identitario perché i ragazzi erano abituati ad un giro di prestiti che spesso li portava a non completare la loro carriere da calciatori. A oggi devo dire che abbiamo ragazzi di cui mi fa piacere leggere le interviste che rilasciano, c’è un riconoscimento da parte dei protagonisti del percorso. Poi è chiaro che l’obiettivo con Andrea il percorso è quello che abbiamo visto in altre seconde squadre ossia che possa magari in futuro arrivare in prima squadra”.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments