Inter, dalle stalle alle stelle: capolavoro Spalletti nel derby

Vecino trequartista, Lautaro non fa rimpiangere Icardi e grande spirito di gruppo

  • A
  • A
  • A

Il funerale (sportivamente parlando) era già pronto, la data sulla lapide era già stata scritta (17 marzo 2019), ma quella che doveva essere la sua Ultima Cena si è trasformata in un'abbuffata nerazzurra e Luciano Spalletti ha fatto il suo personale capolavoro. Il tecnico è stato bravo in sole 72 ore a trasformare la sua Inter, da incerottata e inguardabile contro l'Eintracht a radiosa e affamata contro il Milan. Come da lui stesso ammesso a fine partita, il lavoro principale è stato nella testa dei suoi ragazzi, iniettando loro la consapevolezza nei propri mezzi e riuscendo a compattare il gruppo, ora più che mai sempre più squadra con la 'S' maiuscola.

Dal punto di vista tattico, l'allenatore nerazzurro ha dato scacco matto a Gattuso con la mossa di schierare Vecino come trequartista. L'uomo dei gol pesanti ha mandato in crisi il Milan, pressando in fase di non possesso sul portatore di palla rossonero e trovando spazi e inserimenti con i giusti tempi come in occasione del gol che ha sbloccato la gara. E' stata anche la notte di de Vrij, sul banco degli imputati dopo l'eliminazione dall'Europa League, e bravo insieme a Skriniar a disarmare il pistolero Piatek, il pericolo pubblico numero 1 che in 90' e passa non l'ha vista praticamente mai. Il gol del momentaneo 2-0 è stato per l'olandese la classica ciliegina sulla torta. La difesa ha retto l'urto rossonero nel secondo tempo e ha realmente sofferto solo sulle palle da fermo, da dove sono arrivati i gol di Bakayoko e Musacchio.

Un'Inter costruita in estate sull'asse Icardi-Nainggolan è resuscitata proprio nel giorno in cui i due suoi giocatori più rappresentativi, per motivi diversi, non erano in campo. Mai come ieri sera si è vista in campo e fuori (tante le foto sui social pubblicate dai giocatori esultanti nello spogliatoio) una squadra unita e che ha remato tutta nella stessa direzione. La lampante dimostrazione che, come amano ripetere gli allenatori da ogni latitudine, il gruppo viene prima del singolo. Poi è solo una fortuna se come vice-Icardi ti ritrovi un ragazzotto di nemmeno 22 anni che gioca di più per la squadra, partecipa di più alla manovra e gode anche nel giocare per i compagni. Lautaro Martinez cancella l'assenza di Icardi, con un assist e il rigore che sigilla il derby. "Basta guardarlo negli occhi per capire che ha personalità. E' un leader" le parole del miele di Spalletti per il nuovo idolo della Curva nerazzurra.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments