QUI INTER

Inter, Conte: "Gol ed espulsione, partita decisa in avvio"

Il tecnico nerazzurro dopo la sconfitta col Real: "È diventata subito una montagna da scalare, si è vista la differenza tra noi è loro"

  • A
  • A
  • A

È un Antonio Conte piuttosto sconfortato quello che si presenta ai microfoni dopo la sconfitta di San Siro contro il Real Madrid: "Di base è già difficile giocare contro squadre così importanti - ha detto il tecnico nerazzurro - Se poi pronti via andiamo sotto di un gol e rimaniamo in dieci, diventa una montagna difficile da scalare. Si è vista la differenza tra noi e loro, ma questo non ci deve abbattere. Ci deve far capire che c'è una strada da percorrere, un lavoro da fare. Non dobbiamo farci ammaliare dalle sirene, ma continuare a essere umili. L'unica strada che possiamo percorrere è quella del lavoro e della crescita sotto tutti i punti di vista".

Conte ha parlato anche dell'equilibrio tra gol fatti e subiti, che in questa stagione sta venendo meno: "I gol li facciamo e anche tanti. Sicuramente ne stiamo subendo qualcuno in più. Nella partita di andata sicuramente siamo stati molto più aggressivi, ma l'avvio di questa sera, come ho detto, è stato decisivo. Oggi penso che ci sia stato grande impegno e determinazione, nell'atteggiamento e nella voglia la squadra ha fatto bene".

Infine, non poteva mancare una battuta sulla morte di Diego Armando Maradona: "Stiamo tutti quanti versando lacrime per la scomparsa di una persona che sicuramente ha fatto la storia del calcio. Rimarrà in maniera indelebile. Stiamo parlando della poesia di un calciatore che ho avuto il piacere di marcare e di giocarci contro. Faccio fatica a credere che non ci sia più, così giovane. Sono veramente molto addolorato".

Vedi anche Champions League, Inter-Real Madrid 0-2: gli ottavi ora sono un miraggio Champions League Champions League, Inter-Real Madrid 0-2: gli ottavi ora sono un miraggio

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments