Il braccio di ferro continua. Icardi lavora a parte. E l'Inter prepara le visite di controllo

Maurito compie 26 anni. Il club e Wanda fanno gli auguri. Il dottor Volpi programma le visite al ginocchio

  • A
  • A
  • A

Il club gli ha fatto gli auguri, Wanda gli ha dedicato un messaggio pubblico grondante d'amore (via instagram) e ha retwittato spasmodicamente i tanti  pensieri postati in rete dai fan (alcuni di questi sarebbe stato però più opportuno, visto il tenore, non venissero rimessi in circolo dalla moglie-agente dell'ex capitano) e Maurito, da parte sua, ha pubblicato una foto in compagnia della consorte con il lago di Como a fare da cornice al loro idillio coniugale. Ma neppure oggi è tornato il sereno alla Pinetina: oggi è il compleanno di Icardi, gli anni sono 26, ma ad Appiano Gentile pare infatti ci sia ben poco da festeggiare.

L'attaccante argentino ha infatti ricevuto gli auguri dai compagni ma nulla è in realtà cambiato rispetto agli ultimi giorni: l'ex capitano ha infatti continuato a lavorare a parte, ha proseguito nel suo percorso di recupero dall'infiammazione al ginocchio destro tornata a procurargli dolore in concomitanza con la decisione di togliergli la fascia dal braccio e quindi il suo rientro in squadra è ancora lontano. Quanto lontano non è chiaro, di certo però è al momento da escludere la sua presenza in Europa League contro il Rapid Vienna così come quella in campionato con la Fiorentina.

L'impressione è che il braccio di ferro sia destinato a continuare e a un certo punto poteva esserci la sensazione che da parte di Icardi non ci sia la minima volontà di tornare sui propri passi, almeno fino a quando non gli verrà restituita la fascia di capitano. Ma questa ipotesi non sussiste, tanto che Wanda Nara ha smentito, via tweet, dicendo che indiscrezioni di questo tipo sono "vergognose". La verità -ha aggiunto- è sempre e solo una: ovvero che suo marito Icardi è infortunato.

E a corredo di questo clima un tantino surreale (come minimo) ecco la decisione del club di programmare per domani, mercoledì, le visite di controllo che il dottor Volpi effettuerà al ginocchio di Icardi. Non sarebbe nulla di anomalo in tempi normali, perché è normale che un infortunato venga visitato per programmare al meglio guarigione e ritorno in campo. Ma siccome siamo nel pieno dello psicodramma Inter-Icardi, ecco che pure un controllo medico diventa -ipoteticamente- fonte di sospetti e di società che vuole vederci chiaro. I tempi (interisti) sono questi. Bisogna saperci fare e sapersi intendere.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments