ex da record

Cuadrado punta la Juventus per "restituire" il favore all'Inter

Il colombiano ha lavorato in gruppo e potrebbe strappare una convocazione per il big match di domenica sera

  • A
  • A
  • A

Nell'impegno che Juan Cuadrado sta mettendo per tornare a essere a disposizione di Simone Inzaghi proprio contro la Juventus, forse, c'entra anche una singolare statistica: l'Inter è la squadra contro la quale il colombiano ha giocato più partite da quando è in Europa. Ventisei match in cui ha messo insieme dodici vittorie, sei pareggi, otto sconfitte, sei reti e quattro assist: un bottino mica male tra Udinese, Lecce, Fiorentina, Chelsea e, ovviamente, proprio i bianconeri. Ora, visto il travagliato inizio stagione, sta lavorando per ripagare la fiducia che gli hanno dato i nerazzurri ingaggiandolo dopo la scadenza del contratto con la Juve.

Dopo il lavoro parziale in gruppo di giovedì, Cuadrado è tornato ad allenarsi appieno con il resto del gruppo dando segnali incoraggianti e potrebbe anche strappare una convocazione per il big match dello Stadium, anche se l'infiammazione al tendine d'Achille del piede sinistro non è da sottovalutare. L'esterno destro lotta col problema da inizio stagione, tanto che sin qui ha messo insieme solo quattro presenze e la miseria di 97', tutti in Serie A, tra l'altro facendo in tempo a mettere a segno comunque un assist (nel 4-0 di Lautaro contro la Fiorentina). Al di là delle rotazioni di cui avrebbe bisogno Dumfries, Cuadrado darebbe a Inzaghi anche un'altra modalità di interpretare la fascia: meno fisica, più tecnica; meno di profondità, più di costruzione di gioco.

Per questo il colombiano sta lavorando per farcela già da domenica sera, ovviamente partendo dalla panchina. Sa già che allo Stadium non riceverebbe un'accoglienza da applausi, vista la grande rivalità sportiva tra le due squadre, nonostante otto stagioni e undici trofei vinti con la maglia bianconera. Ma Cuadrado, a 35 anni compiuti, sa bene come funzionano le cose nel calcio e non ne farebbe un cruccio, casomai ora è più preoccupato dal suo tendine d'Achille. Decisivi i prossimi allenamenti, se no per rivedere la Juventus se ne riparlerebbe a febbraio.

Vedi anche Rinnovo Lautaro, l'agente: "Non è facile, ma l'Inter è il suo sogno"  inter Rinnovo Lautaro, l'agente: "Non è facile, ma l'Inter è il suo sogno" 

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti