Genoa, scoppia il caso Lapadula: "Resta a svernare qui a Genova"

L'attaccante ha scelto di restare in Liguria, Perinetti duro, parole che non sono piaciute al procuratore: "Se lo facessero giocare..."

Genoa, scoppia il caso Lapadula: "Resta a svernare qui a Genova"

Il mercato di gennaio è chiuso ormai da qualche ora (tutti gli affari conclusi) e a Genova a tenere banco è soprattutto il caso che riguarda Gialuca Lapadula, che quest'anno ha collezionato solo 2 sole presenze col Genoa tra Serie A e Coppa Italia, ma che nonostante ciò ha preferito restare in Liguria e rifiutare le diverse offerte che gli sono pervenute, per ultima quella del Parma. Un comportamento che non è affatto piaciuto al ds dei rossoblù, Giorgio Perinetti: "Ha rifiutato tutte le squadre - ha detto - adesso vediamo, se rifiuterà anche il Parma anzichè andare via vorrà svernare qui a Genova".

Dichiarazioni che hanno infastidito il procuratore del giocatore ex Milan, Alessandro Moggi, che ha risposto per le rime a Perinetti: "Sono dispiaciuto per il verbo 'svernare' che è stato utilizzato dal direttore Perinetti. Gianluca è un professionista che non ha alcuna voglia di svernare, ma anzi vorrebbe dimostrare il proprio valore in campo. Non gli viene mai data la possibilità. Se invece di farlo svernare lo facessero giocare potrebbero anche evitare di cercare attaccanti in giro per il mondo visto che l'anno scorso è stato il miglior marcatore della squadra pur giocando poco. Preciso inoltre che non è arrivata alcuna richiesta ufficiale dal Parma".

TAGS:
Calcio
Genoa
Lapadula
Perinetti
Svernare
Procuratore
Mercato
Parma

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X