Calcio ora per ora

empoli, zanetti: "ora non guardiamo la classifica"

L'Empoli torna domani sera al 'Castellani' affrontando la Sampdoria.

Ora per ora placeholder
  • A
  • A
  • A

L'Empoli torna domani sera al 'Castellani' affrontando la Sampdoria. L'ultima gara in casa era stata a fine novembre contro la Cremonese, un successo in uno scontro diretto. Il tecnico Paolo Zanetti presenta cosi' la sfida con i blucerchiati: "Abbiamo sempre pensato gara per gara e continueremo cosi'. La classifica la guarderemo piu' avanti, ci sono troppi punti in palio. Dobbiamo fare il massimo, l'avversario e' difficile in questo momento da affrontare. Anche per loro e' determinante, quindi sara' una partita difficile". La sensazione che sia un nuovo esame di maturita' per l'Empoli: "Si per noi lo e'. Per affrontare una gara con un avversario che non e' in crisi, serve esperienza e maturita'. La Samp non e' in crisi, e' cambiata molto e ha solo una posizione di classifica difficile. Noi la prepariamo curando i dettagli. Con tanta dedizione al lavoro e fame per arrivare piu' in alto possibile. Per noi non cambia chi affrontiamo, ma lavoriamo molto su noi stessi. Al di la' del peso specifico della partita, non cambiera' la nostra gestione. Spero che sfrutteremo il fattore campo, il pubblico ci dara' tanta energia". Sulla posizione di classifica del suo Empoli il tecnico spiega che "la posizione che mi interessa e' alla fine, parlare oggi ci puo' portare dentro un po' di pancia piena che non voglio che i miei giocatori abbiano. Dobbiamo prima di tutto rimanere umili. La posizione ci puo' dare piu' consapevolezza ma non dobbiamo mai perdere quella fame che abbiamo avuto". "Su Caputo - aggiunge poi - voglio dare il giusto peso perche' sarebbe ingeneroso per gli altri, che fanno il loro mestiere egregiamente. Sono tutti importanti, anche se Ciccio si sposa benissimo con il nostro gruppo perche' da' mano in campo, oltre a fare gol. Fa quello che deve fare un giocatore dell'Empoli, e' un capitano anche se non lo e'. Un esempio per tutti i giovani". "Credo che il marchio di fabbrica di mister Stankovic - conclude Zanetti tornando a parlare della Samp - sia l'agonismo e l'aggressivita'. Hanno questa identita', vanno molto a duello, sono molto fisici. Sono rudi, un po' fallosi, sono diventati una squadra rognosa. Dobbiamo essere bravi a starci dentro alla partita, per noi forse il binario non e' quello solito ma dobbiamo farlo. Non mi aspetto tantissimo spettacolo, dobbiamo essere pronti per una battaglia".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti