Maledizione Champions League per il Salisburgo

Fallito per l'undicesima volta consecutiva l'accesso ai gironi

  • A
  • A
  • A

Se passate per Salisburgo, evitate di dire Champions League. Da quelle parti, ormai, è una vera e propria maledizione. La squadra della Red Bull ha fallito per l'undicesima volta consecutiva l'accesso ai gironi. Dal 2005, con la nuova proprietà, ha vinto ben 9 titoli nazionali, ma il sogno di giocare nella Coppa dalle grandi orecchie è rimasto nel cassetto nonostante buone prestazioni in Europa League.

L'ultima beffa contro la Stella Rossa. Dopo lo 0-0 dell'andata di Belgrado, c'erano tutte le premesse per rompere il tabù in casa alla Red Bull Arena. Eppure no, il pareggio per 2-2 li ha condannati ancora una volta. Un fatto inspiegabile visto che gli austrici erano in vantaggio 2-0 grazie alla doppietta di Dabbur prima del blackout tra il 65' e il 66' vcon le reti di Ben Nabouhane gelando tutto lo stadio.

Una delusione che si aggiunge alle altre, a partire dal 2006 l'agosto del Salisburgo è sempre stato drammatico. Accettabili e prevedibili le prime eliminazioni contro Valencia e Shakhtar Donetsk, ma i ko subiti da Maccabi Haifa (2009), Hapoel Tel Aviv (2010), Dudelange (2012), Fenerbahce (2013), Dinamo Zagabria (2016) e Rijeka (2017) fanno ancora male.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments