Liverpool: Klopp è un fenomeno ma la squadra campione è costata 638 milioni

Questo l'investimento dei Reds per costruire il gruppo vincente, i più cari Van Dijk e Alisson

  • A
  • A
  • A

E poi dicono che i soldi non contano. D'accordo il gioco, d'accordo le idee, ma se si possono investire dei soldi è tutto un po' più facile. Ottimo l'apporto di Klopp, che ha portato mentalità vincente e ottima organizzazione, ma il Liverpool per formare questa squadra ha speso negli ultimi anni 638 milioni di euro. Un'inchiesta interessante, un'idea che i colleghi del quotidiano spagnolo Marca hanno sviluppato analizzando i particolari. Ecco come è suddiviso questo mastodontico investimento. 

ALISSON: 75 milioni 
Grande affare della scorsa estate, quando il portiere brasiliano era reduce da una stagione strepitosa con la Roma e sembrava destinato al Real Madrid. Investimento pesante ma redditizio viste le grandi parate anche nella finale. 

MIGNOLET: 10,6 milioni 
Portiere belga comunque di alto livello, con molte presenze nella Premier League. E' al Liverpool dal 2013 dopo l'esperienza precedente al Sunderland, quest'anno era la riserva di Alisson, sempre meglio che essere la riserva di Karius. 

VAN DIJK: 85 milioni 
Il suo acquisto dal Southampton nel gennaio del 2018 sembrava follia pura visto il prezzo, ma le esibizioni successive hanno dimostrato che siamo di fronte a uno dei difensori centrali più forti del mondo e si è visto in tutta questa Champions League. 

JOE GOMEZ: 5 milioni
Ha fatto il titolare al centro della difesa per una buona parte della stagione, poi si è infortunato. Ma il suo rendimento ha ampiamente ripagato i 5 milioni spesi per prenderlo dal Charlton nel 2015. 

LOVREN: 25,3 milioni 
Ha percorso il cammino di molti giocatori di questa rosa, dal Southampton al Liverpool. E' stato un centrale di grandissimo affidamento fino alla passata stagione, quest'anno ha perso minuti e fiducia. 

MATIP: 0 
Preso quasi per scommessa in scadenza di contratto dallo Schalke 04 nel 2016, piano piano ha scalato le gerarchie della difesa e in questa stagione ha giocato tanto, compresa la finale del Wanda Metropolitano, come scudiero di Van Dijk. 

ROBERTSON: 9 milioni 
Era un giocatore in cui nessuno sembrava credere, tanto che l'Hull City nel 2017 ha accettato di disfarsene per 9 milioni. Prestazione dopo prestazione è diventato titolare fisso della fascia sinistra. 

ALBERTO MORENO: 20 milioni
Il Liverpool lo strappò al Napoli prelevandolo dal Siviglia nel 2014. Ottimo inizio quello dello spagnolo, che però ha perso il posto con l'esplosione di Robertson e adesso sembra seriamente intenzionato a tornare in patria. 

ALEXANDER-ARNOLD: settore giovanile 
Un vero e proprio fenomeno, un esempio di presenza e continuità sulla fascia destra, un giocatore che pur essendo giovanissimo gioca con la disinvoltura di un veterano. 

CLYNE: 17,7 milioni 
Tanto per cambiare è un giocatore che viene dal Southampton, un buon terzino destro che però è stato totalmente travolto e spazzato via dall'esplosione di Alexander-Arnold. 

FABINHO: 50 milioni 
Un giocatore che in passato è stato varie volte vicino all'Italia, soprattutto al Napoli. Klopp l'ha voluto prelevare a tutti i costi dal Monaco e l'ha trasformato da terzino destro a centrale di centrocampo, con risultati altamente soddisfacenti. 

KEITA: 60 milioni 
Mezza Europa era sulle sue tracce quando faceva meraviglie con il Lipsia, Molto utile nei primi due terzi della stagione, è stato messo fuori causa alla fine da un infortunio serio e proprio per questo non era in campo a Madrid. 

WIJNALDUM: 27,5 milioni
Giocatore con peculiarità insolite, grande tecnica ma difficile collocazione tattica. Klopp è riuscito a farlo rendere e a utilizzarlo spesso, dimostrando che i soldi spesi nel 2016 per prelevarlo dal Newcastle non sono stati buttati. 

OXLADE-CHAMBERLAIN: 38 milioni
Quando giocava nell'Arsenal lasciava intravedere doti notevoli, ma veniva impiegato poco. Comunque il costo per prenderlo nel 2017 è stato elevato. Quest'anno non si è quasi mai visto per un grave infortunio al ginocchio. 

HENDERSON: 18 milioni
Il capitano dei Reds e classico centrocampista centrale English-Style è arrivato dal Sunderland nel 2011 e si è guadagnato stima e rispetto da parete di tutto l'ambiente. Non un fenomeno tecnicamente, ma dotato di grande spirito da leader. 

MILNER: 0 
Nel 2015 era in scadenza di contratto con il Manchester City e il Liverpool l'ha preso pensando di tenerlo un annetto e poi salutarlo. Invece in questi anni si è reso molto utile dimostrando un gran dinamismo nonostante l'età. 

LALLANA: 31 milioni
Un affare complicato datato 2014. L'affare più caro di quell'anno per i Reds, che poi in questi anni l'hanno utilizzato un po' a singhiozzo,m anche perché è un giocatore che non ha una collocazione tattica ben precisa. 

MANE': 41 milioni
Indiscutibilmente una delle stelle di questa squadra, attaccante esterno difficile da marcare e dotato di enorme forza fisica. Voluto da Klopp a tutti i costi, è stato pagato profumatamente al Southampton che l'aveva lanciato in Premier. 

SALAH: 42 milioni
I tifosi della Roma si mangiano ancora le mani pensando all'operazione di 2 anni fa, quando il club giallorosso dovette affrettare i tempi per sistemare il bilancio. Con più calma l'avrebbe venduto lo stesso ma portando a casa più soldi. 

SHAQIRI: 14,7 milioni
In Italia è passato qualche mese per vestire la maglia dell'Inter, senza lasciare un segno indelebile. Dopo qualche giro per l'Europa è arrivato al Liverpool in saldo, ogni tanto entra e fa qualcosa di buono. 

FIRMINO: 41 milioni 
In Germania si era rivelato come un vero e proprio fenomeno con la maglia dell'Hoffenheim, in Premier League ha confermato di essere un ottimo centravanti, stabilmente inserito anche nella Nazionale brasiliana. 

STURRIDGE: 15 milioni 
Era al Chelsea fino al 2012, è stato vicino a un passaggio all'Inter in prestito ma poi è rimasto al Liverpool dove ha continuato ad accontentarsi di fare la riserva, frenato anche da qualche infortunio. 

ORIGI: 12,5 milioni 
Eroe quasi per caso di questo finale di stagione, si è rivelato al Mondiale del 2014 ed è stato preso come potenziale sostituto di Luis Suarez quando l'uruguayano è passato al Barcellona. E adesso sta trovando la sua giusta dimensione. 


Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments