MANCHESTER CITY-ATALANTA 5-1

Champions League: Manchester City-Atalanta 5-1, Sterling annienta la Dea

Bergamaschi avanti con Malinovskyi su rigore, poi la rimonta firmata Aguero (doppietta) e dall'inglese (tripletta). Gasp è quasi fuori

di
  • A
  • A
  • A

Nella terza giornata della fase a gironi di Champions League, l'Atalanta perde 5-1 contro il Manchester City e ora gli ottavi sono davvero un miraggio. All'Etihad la Dea passa per prima grazie a un rigore di Malinovskyi al 28', ma poi si scatena Sterling e per i bergamaschi è notte fonda. L'attaccante inglese serve ad Aguero il pallone dell'1-1 (34'), si procura il rigore realizzato dal Kun (38') e nella ripresa cala la tripletta (58', 64' e 69').

LA PARTITA
Troppo Sterling e troppo City per un'Atalanta che gioca con il solito coraggio, riesce a imbrigliare i campioni d'Inghilterra per più di metà tempo, ma che alla fine è costretta ad alzare bandiera bianca e a tornare a Bergamo con un passivo davvero severo e le speranze di qualificazione ridotte ormai al lumicino. E pensare che gli uomini di Gasperini approcciano meglio la gara rispetto a quelli di Guardiola, riuscendo a tenerli lontano dalla propria area per metà della prima frazione grazie a un buon pressing e alle ripartenze, con i tre davanti che non danno punti di riferimento a Fernandinho e Rodri. Quando la palla arriva ai terzini avversari, sono Toloi e Masiello a uscire su di loro, una mossa che intasa le fasce e limita Sterling e soprattutto Mahrez. Proprio quando il City comincia a premere (doppia chance di Aguero), arriva il gol dell'Atalanta: Fernandinho, adattato a difensore centrale, sgambetta ingenuamente Ilicic e Malinovskyi spiazza Ederson. Il gol subito dà la sveglia ai Pep Boys, in particolare a Sterling che diventa assolutamente incontenibile. L'attaccante inglese prima serve un delizioso assist per l'1-1 di Aguero, poi si procura il rigore che il Kun non sbaglia e permette agli inglesi di andare al riposo in vantaggio.

Gasp prova a ridisegnare la squadra con gli ingressi di Muriel e Pasalic, ma non c'è davvero niente da fare e il secondo tempo diventa un autentico calvario. L'azione del 3-1 è da manuale del calcio, roba da far vedere in qualsiasi corso allenatori: Mahrez lancia in profondità De Bruyne, il belga mette a sedere De Roon e serve Foden che a sua volta passa a Sterling che non sbaglia da pochi passi. L'attaccante ex Liverpool è in serata da Pallone d'Oro, non ha alcuna pietà e nel giro di 5 minuti realizza altri due gol: il primo su invenzione di Gundogan, il secondo su preciso cross di Mahrez. E avrebbe anche potuto segnare il poker personale, ma a tu per tu con Gollini ha calciato clamorosamente fuori. L'Atalanta gioca a calcio fino alla fine e con i padroni di casa in 10' negli ultimi minuti (espulso Foden per doppio giallo) sfiora il secondo gol, ma sbatte contro Ederson. Nonostante la qualificazione ormai compromessa, la Dea esce tra gli applausi dei suoi tifosi. Ora servono tre vittorie nelle ultime tre gare per l'ennesimo miracolo della gestione Gasp: difficile, quasi impossibile, ma crederci non costa nulla.

LE PAGELLE
Sterling 8,5
- Prestazione mostruosa dell'attaccante inglese, che si inventa l'assist per il pari di Aguero, si procura il rigore del 2-1 e poi cala la tripletta personale. Devastante e immarcabile.
Aguero 7,5 - Il Kun partecipa alla manovra con il contagocce, ma in area è assolutamente letale. Suoi i primi due gol che rimontano la Dea e cambiano l'inerzia del match.
Foden 7 - La mossa a sorpresa di Guardiola, che risulta assolutamente azzeccata. A 19 anni ha una velocità di pensiero e di esecuzione davvero fuori dal comune. Una grande prova impreziosita da un assist per Sterling. Peccato per l'espulsione nel finale.

Gollini 6,5 - Prende 5 gol, ma ne evita altri quattro: quelli del City arrivano da tutte le parti e lui fa quel che può.
Toloi 5 - Serata da mal di testa per il difensore brasiliano, visto che dalle sue parti transita il giocatore più in palla della serata, Sterling. 
Masiello 5 - Serata complicata per il difensore nerazzurro, che soffre la velocità del City, viene ammonito dopo soli 10' e poi commette il fallo da rigore su Sterling rischiando il secondo giallo. Gasp lo lascia negli spogliatoi, anche perché non al meglio fisicamente.

IL TABELLINO
MANCHESTER CITY-ATALANTA 5-1

Manchester City (4-3-3): Ederson 6,5; Walker 6, Fernandinho 5, Rodri 6 (41' Stones 6), Mendy 6,5 (27' st Cancelo 6); Foden 7, Gundogan 6,5, De Bruyne 7 (22' st Otamendi 6); Mahrez 6, Aguero 7,5, Sterling 8,5. A disp.: Bravo, Gabriel Jesus, David Silva, Bernardo Silva. All.: Guardiola 8
Atalanta (3-4-1-2): Gollini 6,5; Toloi 5, Djimsiti 5, Masiello 5 (1' st Pasalic 5); Castagne 5, Freuler 5,5, de Roon 5, Gosens 6; Gomez 5,5 (1' st Muriel 5), Malinovskyi 6; Ilicic 5,5 (27' st Hateboer 5,5). A disp.: Sportiello, Arana, Ibanez, Barrow. All.: Gasperini 5,5
Arbitro: Grinfeld (Israele)
Marcatori: 28' rig. Malinovskyi (A), 34' e 38' rig Aguero (M). 13' st e 19' st Sterling (M)
Ammoniti: Mendy (M), Masiello (A), De Bruyne (M), Foden (M), Otamendi (M)
Espulsi: Al 38'st Foden (M) per doppia ammonizione
Note: -

LE STATISTICHE
L'Atalanta è la prima squadra italiana a perdere tutte le prime tre partite giocate in Champions League - in generale è la prima squadra a registrare tre sconfitte nelle prime tre gare nella competizione dall'Otelul Galati nel 2011/12.
L'Atalanta è la quarta squadra nella storia della Champions League a subire almeno 11 reti nelle prime tre partite disputate nella competizione.
In 39 delle 43 occasioni in cui una squadra ha perso tutte le prime tre partite del girone nel nuovo formato della Champions League (dal 2003/04), ha chiuso il girone all'ultimo posto.
Il Manchester City ha vinto tutte le ultime tre partite di Champions League contro squadre italiane dopo aver trovato un solo successo nelle precedenti sei (2N, 3P).
Ruslan Malinovskiy è il secondo giocatore ucraino ad aver realizzato una rete per una squadra italiana in Champions League, dopo Andriy Shevchenko con il Milan.
Il gol su rigore di Sergio Agüero è stato il 150º centro di una squadra inglese contro una squadra italiana in Champions League.
Raheem Sterling ha sia segnato che servito assist nella stessa partita per la quinta volta in Champions League, tutte all'Etihad Stadium - per lui prima tripletta nella competizione.
Sterling è il secondo giocatore inglese a prendere parte attiva a quattro gol in una singola partita di Champions League dopo Wayne Rooney nel 2004 (contro il Fenerbahçe).
Josip Ilicic è il giocatore dell'Atalanta che ha tentato più tiri in questo match: tre, tutti nello specchio della porta.

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments