Champions League: Liverpool e Sporting Lisbona ai gironi

I Reds battono 4-2 l'Hoffenheim; pokerissmo dei portoghesi allo Steaua Bucarest. Avanti anche CSKA Mosca, Qarabag e APOEL Nicosia

Il Liverpool di Klopp non ha fallito l'occasione e si è qualificato ai gironi di Champions League. I Reds hanno bissato il successo in Germania con un netto 4-2 all'Hoffenheim con Emre Can protagonista con una doppietta. Passa il turno anche lo Sporting Lisbona con il 5-1 in casa dello Steaua Bucarest . Nessun problema per il Cska Mosca che supera 2-0 lo Young Boys. Ai gironi anche Qarabag (ko 1-2 a Copenaghen) e APOEL (0-0 con lo Slavia Praga)

Dopo il 2-1 in Germania, il Liverpool di Jurgen Klopp vuole chiudere i conti subito, spinto dal calore del pubblico di Anfield contro l’Hoffenheim. Con Mane e Salah letteralmente immarcabili sulle fasce, i Reds iniziano a premere il piede sull'acceleratore, mettendo i tedeschi alle corde. Dopo 10 minuti è Emre Can a sbloccare il risultato: il tedesco di origine turca. obiettivo di mercato della Juve, riceve un pallone al bacio da Mane e lascia partire un missile che viene deviato da un difensore e si infila alle spalle di Baumann. Il Liverpool è scatenato e al 19' i Reds raddoppiano con Salah, che è il più lesto di tutti a intervenire sul pallone dopo la respinta del palo. Per l'Hoffenheim è notte fonda e, dopo solo 3 minuti, il Liverpool cala il tris ancora con Emre Can. La sberla del 3-0 sveglia i tedeschi che trovano la rete che tiene in vita le speranze con il solito Mark Uth prima dell’intervallo. Nella ripresa, l’ex di turno, Roberto Firmino, serve il poker per i Reds al 63’, prima del gol della bandiera di Sandro Wagner che fissa il punteggio sul 4-2 finale.

Insieme con il Liverpool avanza anche lo Sporting Lisbona, che schianta la Steaua Bucarest per 5-1 in Romania dopo lo 0-0 maturato a Lisbona. Portoghesi avanti nel primo tempo con l'ex romanista Doumbia, ma la prima frazione si chiude in parità con la realizzazione sotto misura di Junior Maranhao. Nell’ultima mezz’ora si scatena la formazione di Jorge Jesus, che ne fa addirittura 4, mettendo in ghiaccio il discorso qualificazione: in rete Acuna, Gelson Martins, Dost e Battaglia. Facile, nonostante la pioggia battente, anche il compito del Cska Mosca, che liquida lo Young Boys con un perentorio 2-0. Nel primo tempo i padroni di casa passano a ridosso dell'intervallo con Schennikov, e poi chiudono il discorso qualificazione nella ripresa con la rete del solito Alan Dzagoev. Vola, per la prima volta, ai gironi di Champions League anche il Qarabag che, nonostante la sconfitta in Danimarca contro il Copenghen per 2-1, può festeggiare l’appuntamento con la storia. Dopo l’1-0 dell’andata, il gol di Santander illude i danesi che, però, vengono gelati dalla rete di Ndlovu al 63’. Tre minuti più tardi, Pavlovic ridà speranze ai padroni di casa con la rete del 2-1, ma il forcing finale non fornisce i risultati sperati per la squadra di Solbakken che deve dire così addio al sogno Champions. Lo 0-0 di Praga, infine, premia l’Apoel Nicosia che, in virtù del 2-0 maturato a Cipro, approda ai gironi di Champions per la quarta volta.

TAGS:
Calcio
Champions
Playoff

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X