CHAMPIONS LEAGUE

Champions League, il Psg di Mbappé e degli italiani incanta

Non solo  Kylian, ma anche Florenzi, Verratti e Kean

di
  • A
  • A
  • A

Il Psg delle stelle staglia la sua luce intesa alla ripresa della Champions League. Se da un lato c'è la magica prestazione di un Kylian Mbappé magistrale, dall'altra la mano del nuovo tecnico Mauricio Pochettino che sa esaltare il gruppo, proprio come aveva fatto con il Tottenham. Il resto l'ha fatto anche la banda degli italiani: da Kean a Florenzi, passando per Verratti e Icardi. E, dettaglio mica trascurabile, il fatto di aver firmato l'impresa in casa altrui: lì al Camp Nou dove non molto è permesso.

Merito di tutti, ovviamante ma anche dei singoli. E nel caso specifico di Mbappé, uno capace di realizzare 10 reti nella fase ad eliminazione diretta di Champions League, superando Zinedine Zidane (otto). Solo due giocatori francesi hanno fatto meglio di lui (Benzema 18 e Henry 12). Ma tempo c'è. Eccome se c'è.

Il francese è diventato il terzo miglior marcatore nella storia del Psg considerando tutte le competizioni (111), alle spalle solo di Zlatan Ibrahimovic (156) ed Edinson Cavani (200). Ed è, inoltre, il secondo giocatore nella storia della Champions League ad aver realizzato una tripletta al Camp Nou da avversario, dopo Andriy Shevchenko nel novembre 1997 con la maglia della Dinamo Kiev.

Fin qui, appunto il divino Kylian. Poi c'è un tocco di tricolore con Moise Kean, ex Juventus, che a soli 20 anni e 354 giorni è il terzo più giovane marcatore italiano in Champions nella fase ad eliminazione diretta, più anziano solo di Nicolò Zaniolo contro il Porto nel 2019 e Nicola Ventola contro il Manchester United nel 1999.

Nota di merito per Alessandro Florenzi, fuggito da Roma, transitato per la Spagna e approdato in terra francese dove ha riscoperto il gusto di essere protagonista ad alto livello.
Parlando di Italia non stupisce Marco Verratti, magistrale ed è in for ma pure Mauro Icardi. Così si torna al punto di prima, sì i singoli, ma il gruppo appunto. L'orchestra che suona la sua musica è sempre uno spettacolo. La disfatta del Barcellona è tutta qui dentro.

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments