Champions, Juve-Manchester United 1-2: Mou beffa Allegri in rimonta

Allo Stadium finisce 2-1 per i Red Devils: CR7 sblocca con una magia, poi negli ultimi 4' gol di Mata e autorete di Alex Sandro

di STEFANO RONCHI

Passo falso della Juve nel quarto turno del Gruppo H di Champions League. Allo Stadium la squadra di Allegri perde 2-1 col Manchester United e deve rimandare il discorso qualificazione. Gara stregata per i bianconeri, che dominano, ma escono sconfitti. Khedira centra un palo, poi la traversa ferma Dybala. Ronaldo sblocca il match al 65' con una magia al volo, poi negli ultimi minuti i Red Devils ribaltano il risultato grazie a una punizione di Mata (86') e a un autogol di Alex Sandro (90').

Champions, Juve-United 1-2: le foto

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • LinkedIn
Foto 1
Foto 2
Foto 3
Foto 4
Foto 5
Foto 6
Foto 7
Foto 8
Foto 9
Foto 10
Foto 11
Foto 12
Foto 13
Foto 14
Foto 15
Foto 16
Foto 17
Foto 18
Foto 19
Foto 20
Foto 21
Foto 22
Foto 23
Foto 24
Foto 25
Foto 26
Foto 27
Foto 28
Foto 29
Foto 30
Foto 31
Foto 32
Foto 33
Foto 34
Foto 35
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35

Passo falso della Juve nel quarto turno del Gruppo H di Champions League. Allo Stadium la squadra di Allegri perde 2-1 e deve rimandare il discorso qualificazione. Gara stregata per i bianconeri, che dominano, ma escono sconfitti. Khedira centra un palo, poi la traversa ferma Dybala. Ronaldo sblocca il match al 65' con una magia al volo, poi negli ultimi minuti i Red Devils ribaltano il risultato incredibilmente grazie a una punizione di Mata (86') e a un autogol di Alex Sandro (90').

>

LA PARTITA

Quattro minuti di blackout rovinano tutto. Allo Stadium la Juve gioca bene, controlla fino all'86 e sfoggia un gran Ronaldo, ma poi a pochi passi dal traguardo crolla. Proprio quando gli ottavi sembravano una formalità, i bianconeri si sono lasciati intimorire dal forcing disordinato dei Red Devils, perdendo lucidità e sicurezza. Alla banda di Allegri non è bastato il lampo di CR7 per regolare lo United, che invece torna da Torino con tre punti pesantissimi. Tutto per la gioia di Mourinho, che in un colpo solo rovina i piani bianconeri e "prenota" il pass. 

Come a Manchester, Allegri sceglie il tridente veloce. Senza Lukaku, Mou invece cambia e opta per un 4-3-3 compatto con Lingard, Alexis Sanchez e Martial in attacco. A buon ritmo l'inizio del match si sposta subito sulle corsie esterne. Equilibrata e corta, la Juve palleggia da dietro, affidandosi poi alle geometrie di Pjanic e alle accelerazioni di Cuadrado e Dybala. Cercato con continuità dai compagni, Ronaldo ha spazio per andare un paio di volte al tiro, ma i Red Devils difendono bassi e si chiudono bene. Carico dall'ovazione ricevuta allo Stadium, Pogba prova a fare la differenza e a mettere ordine in mediana, ma è Young a spingere sulla corsia destra, prestando però il fianco alle ripartenze di Alex Sandro e alle incursioni di Bentancur e Khedira. Dopo un quarto d'ora, si gioca in una sola metà campo. In fase di non possesso, lo United sceglie infatti di aspettare la Juve al limite e così il pallino del gioco lo prendono in mano i bianconeri. Per variare le soluzioni, Allegri inverte gli esterni d'attacco, provando a sfruttare i cambi di gioco e ad alzare la qualità sulla trequarti. Cuadrado cade in area, ma Hategan non fischia. Con la palla tra i piedi Dybala e CR7 parlano la stessa lingua, ma i Red Devils serrano le linee davanti a De Gea, cercando poi di verticalizzare su Sanchez appena possibile. Con Chiellini sempre pronto a raddoppiare su Pogba e Pjanic ovunque, la squadra di Mourinho fatica a manovrare in mezzo al campo. La Juve invece fa girare bene la palla a terra, verticalizzando per i tagli di Ronaldo e Dybala. Cuadrado va vicino al vantaggio, poi Khedira centra il palo da ottima posizione, illudendo lo Stadium. 

Nella ripresa lo Utd prova a cambiare atteggiamento, ma è ancora la Juve ad andare vicina al gol con una perla di Dybala a giro che si stampa sulla traversa. Con le squadre più lunghe, gli uomini di Allegri continuano a controlla il gioco col possesso, costringendo ancora lo United a chiudersi. Sulla destra De Sciglio difende bene e affonda, sulla sinistra tocca invece ad Alex Sandro fare entrambe le fasi. Pogba e Sanchez provano a svegliare i Red Devils, ma non basta. Già, perché nella Juve gioca un certo CR7. Uno abituato a stupire sempre. Soprattutto in Champions. E così, dopo un'ora di gioco, i bianconeri si affidano al loro campione per sbloccare la gara. Perfettamente servito in profondità da Bonucci, il portoghese fa esplodere lo Stadium con un destro al volo meraviglioso. Un gol che segna la gara, ma non la chiude. In controllo, i bianconeri gestiscono infatti la manovra, ma non affondano il colpo del ko con Pjanic e Cuadrado, tenendo in partita lo United. Mourinho getta Mata e Fellaini nella mischia per l'assalto finale. Una mossa che rianima lo Utd e cambia tutto. Negli ultimi minuti gli inglesi attaccano a testa bassa, puntando sulle palle alte e le mischie. Mata agguanta il pareggio con una punizione perfetta a quattro minuti dal termine, poi succede quello che non ti aspetti. La Juve va in tilt e i Red Devils ribaltano il risultato grazie a un mezzo pasticcio di Alex Sandro e Bonucci. E' il colpo che vanifica la bella prestazione della Juve e rimanda il discorso qualificazione (bianconeri ancora primi nel girone). Per lo United invece sono tre punti preziosissimi in vista degli ottavi. Allegri mastica amaro, Mourinho invece gode. 

LE PAGELLE

Ronaldo 7: dinamico, aggressivo, bomber. Cerca il gol da tutte le posizioni. Si intende bene con Dybala e si alterna nei tagli in profondità. Bello l'assist sul palo di Khedira, stupenda la rete al volo con cui fredda De Gea. La prodezza però non basta
Pjanic 6,5: buona prova. In fase di non possesso ringhia e raddoppia, in fase di possesso imposta e pennella, dando sicurezza alla squadra davanti alla difesa. Avvia la manovra e verticalizza con qualità e velocità. Nel finale però si spegne la luce
Bonucci 5,5: fino alla rete di Mata, ottimo lavoro in copertura in tandem con Chiellini. Il lancio per Ronaldo è un colpo di classe che CR7 trasforma in una meraviglia, nel finale però sbanda insieme a tutta la squadra e pasticcia con Alex Sandro sull'autogol
Chiellini 6,5: solito guerriero. Chiude su tutti, raddoppia e lotta. Bel modo per giustificare i complimenti di Mou dell'andata
Pogba 6: accolto con un'ovazione dai tifosi bianconeri, si piazza in mediana cercando di dare ordine. Servito poco tra le linee, prova a smistare il gioco arretrando, ma Pjanic, Khedira e Chiellini gli rendono la vita difficile. Nel gol del 2-1 ci mette lo zampino
Mata 7: la punizione è una pennellata imprendibile. Riaccende le speranze di Mourinho quando tutto ormai sembrava finito
Fellaini 6,5: il suo ingresso cambia la gara. I suoi centimetri nel finale fanno la differenza

IL TABELLINO

JUVE-MANCHESTER UNITED 1-2
Juve (4-3-3): Szczesny 5; De Sciglio 6,5 (37' st Barzagli 5,5), Bonucci 5,5, Chiellini 6,5, Alex Sandro 5,5; Khedira 6 (15' st Matuidi 6), Pjanic 6,5, Bentancur 6,5; Cuadrado 6 (47' st Mandzukic sv), Dybala 6, Ronaldo 7.
A disp.: Perin, Benatia, Cancelo, Rugani. All.: Allegri 5
Manchester Utd (4-3-3): De Gea 6; Young 5,5, Smalling 5,5, Lindelof 6, Shaw 6; Herrera 5,5 (33' st Mata 6,5), Matic 6, Pogba 6; Lingard 5 (24' st Rashford 5,5), Alexis Sanchez 5 (33' st Fellaini 6,5), Martial 5,5.
A disp.: Romero, Bailly, Fred, Darmian. All.: Mourinho 6,5
Arbitro: Hategan (Rom)
Marcatori: 20' st C. Ronaldo (J), 41' st Mata (M), 45' st aut. Alex Sandro (J)
Ammoniti: Alex Sandro, Dybala (J); Matic, Herrera, Martial (M)
Espulsi: -

LE STATISTICHE

- L’ultima sconfitta interna della Juventus nella fase a gironi di Champions League era stata nel 2009/10 contro il Bayern Monaco.
- Questa è solo la terza volta che la Juventus perde una partita interna di Champions League dopo essersi portata avanti nel punteggio (1-4 nel 2009 contro il Bayern e 2-3 nel 1999 proprio contro il Manchester United).
- In questa Champions League la Juventus ha subito il primo gol dopo 356 minuti, il secondo è arrivato 3 minuti e 30 secondi dopo.
- La Juventus ha colpito quattro legni in quattro partite di Champions League in stagione.
- Cristiano Ronaldo ha segnato il suo primo gol in Champions con la Juventus, dopo 11 tiri tentati.
- Cristiano Ronaldo ha segnato dopo 454 minuti di digiuno in Champions League.
- Leonardo Bonucci ha servito due assist nelle ultime tre presenze di Champions League dopo che non ne aveva servito nessuno nelle sue prime 49 partite nella competizione.
- Era dal 2013 contro il Real Madrid che la Juventus non tentava almeno 23 conclusioni in una partita di Champions.

TAGS:
Calcio
Champions
Juve
Manchester united

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X