Leeds-Derby County, Bielsa ammette: "Colpa mia, ho inviato io la spia"

L'argentino: "Spio i miei avversari dal 2002. Per alcuni è una cosa giusta, per altri sbagliata"

Leeds-Derby County, Bielsa ammette: "Colpa mia, ho inviato io la spia"

Tutti i pezzi del puzzle cominciano a ricomporsi nella spy-story Leeds-Derby County. E a svelare come sono andate le cose ci ha pensato Marcelo Bielsa. "È vero, c'era qualcuno del Leeds United ad osservare l'allenamento di Frank Lampard e la responsabilità di tutto questo è mia - ha spiegato il 'Loco' prima della partita -. Questa pratica non è illegale, lo abbiamo fatto pubblicamente e ne abbiamo parlato con la stampa". "Spio i miei avversari dal 2002, dalle qualificazioni al Mondiale con l'Argentina", ha aggiunto il tecnico.

Come sempre, sopra la righe. Ma anche sincero e diretto. Dopo l'intervento della polizia durante l'allenamento del Derby County, Marcelo Bielsa non si nasconde e chiarisce il suo punto di vista sulla questione senza giri di parole. "Non importa se quello che ho fatto sia legale o illegale, giusto o sbagliato, per me è sufficiente che Frank Lampard e il Derby County sentissero che non era la cosa giusta da fare - ha raccontato -. No, non mi sono comportato bene, e non ho chiesto alcun permesso al Leeds prima di farlo". "Ho parlato con Lampard e mi ha detto che non ho rispettato il fair play - ha proseguito -. Io ho un punto di vista diverso. Senza voler cercare per forza una giustificazione, posso dire di aver usato questo tipo di metodo dalle qualificazioni al Mondiale con l'Argentina in poi. Per alcune persone è sbagliato, per altri no".

Dichiarazioni a cui Lampard ha replicato immediatamente al termine del match vinto dal Leeds per 2-0 grazie alle reti di Roofe e Harrison. "Abbiamo perso al cospetto di una squadra che ha giocato meglio di noi, ma sono in una posizione difficile perché voglio tracciare una linea tra la performance e ciò che è successo al di fuori del campo - ha spiegato Frank -. Non penso sia giusto e non sono sicuro che chiunque abbia praticato sport a qualsiasi livello penserebbe che sia giusto". "Se è una cosa culturale, sono molto sorpreso perché non penso sia corretta - ha aggiunto -. Se parliamo di ottenere vantaggi sfruttando piccoli dettagli allora va bene, perché i grandi manager lo fanno. Ma questo va al di là di tutto, è un salto oltre il lecito". "Tutti gli allenatori sono orgogliosi di ciò che fanno sul campo di allenamento, io per esempio ho trascorso 15 ore a guardare le partite del Leeds questa settimana - ha concluso -. Quindi, quando qualcuno entra di nascosto per spiare quello che stai facendo sul campo di allenamento è finita. Preferirei non allenare piuttosto che mandare persone sotto copertura per andare a guardare i miei avversari, perché li rispetto".

TAGS:
LeedsDerby County
Spia
Marcelo Bielsa

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X