IL CASO

Iran, Stramaccioni: "Il club sapeva della mia partenza"

"Per motivi di natura burocratica e amministrativa non è stato possibile lasciare il Paese, ma stiamo risolvendo la situazione"

  • A
  • A
  • A

Il caso di Andrea Stramaccioni, l'allenatore italiano rimasto bloccato in Iran a causa di un visto scaduto, non ha ancora trovato soluzione ed è stato lo stesso tecnico ad aggiornare la situazione,. "Il mio club era perfettamente informato - ha precisa Stramaccioni - avendo, peraltro, organizzato il relativo transfer in aeroporto. Purtroppo, per motivi di natura burocratica e amministrativa non è stato possibile lasciare il Paese".

 

"Al termine della partita di campionato con il Foolad - ha spiega Stramaccioni -, anche considerando che era prevista una breve sosta del campionato, mi sono recato in aeroporto con il mio collaboratore Sebastian Leto, per trascorrere un paio di giorni in Italia con le rispettive famiglie dopo quasi due mesi di intenso e ininterrotto lavoro", ha aggiunto.

"L'Esteghlal FC, tuttavia, si è attivato per risolvere la questione - vuole far sapere Stramaccioni - che si auspica possa definirsi a breve per evitare in futuro il ripetersi di tali spiacevoli situazioni".

 

Vedi anche Stramaccioni, Iran indigesto: "Mi hanno mancato di rispetto" Calcio estero Stramaccioni, Iran indigesto: "Mi hanno mancato di rispetto" Vedi anche Iran, Stramaccioni nei guai: bloccato con visto scaduto Calcio Iran, Stramaccioni nei guai: bloccato con visto scaduto

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments