OTTAVI

Europa League: colpo Bayer a Glasgow, lo Shakhtar sorprende il Wolfsburg, pareggio fra Olympiacos e Wolverhampton

Le Aspirine superano i Rangers per 3-1, gli ucraini escono dalla Volkswagen Arena con un importante 2-1. I greci, in inferiorità numerica, limitano i danni contro i Wolves

  • A
  • A
  • A

Due vittorie esterne e un pareggio nelle tre partite di Europa League giocate alle 21. A Glasgow, unico match giocato a porte aperte, il Bayer Leverkusen batte per 3-1 i Rangers, lo Shakhtar Donetsk supera il Wolfsburg per 2-1 alla Volkswagen Arena in un incontro in cui entrambe le squadre sbagliano un calcio di rigore, mentre al Pireo finisce 1-1 fra Olympiacos e Wolverhampton, con gli inglesi incapaci di sfruttare 60 minuti di superiorità numerica.

RANGERS-BAYER LEVERKUSEN 1-3
Il Bayer Leverkusen esce dall'Ibrox Stadium, teatro dell'unica partita a porte aperte fra le tre in programma alle 21, con un'importante vittoria per 3-1 sui Rangers, un risultato che consentirà alle Aspirine di affrontare il ritorno (la cui data è in bilico, visti i rinvii legati all'allerta Coronavirus), con una discreta serenità. Scozzesi e tedeschi arrivano ad affrontarsi agli ottavi dopo aver incrociato vittoriosamente le armi nel turno precedente contro due avversarie portoghesi, rispettivamente il Braga e il Porto. Nella prima mezz'ora il match è bloccato e nessuna delle due squadre prende l'iniziativa. Al minuto 34, però, arriva il primo dei momenti chiave: Aranguiz prova il cross verso il centro dell'area, Edmundson intercetta con il braccio e l'arbitro polacco Marciniak, dopo un lungo consulto con il Var e dopo essere andato in prima persona a rivedere l'azione a bordocampo, assegna la massima punizione al Bayer. Dal dischetto va Havertz che non sbaglia e regala il vantaggio ai rossoneri. Nella seconda frazione il gioco è più aperto ed entrambe le squadre provano a rendersi pericolose, ma sono ancora i tedeschi a colpire al minuto 67 con un bel tiro di controbalzo di Aranguiz, bravo a sfruttare un rinvio non efficace di Goldson e a battere McGregor. I padroni di casa, però, non ci stanno e al 75' accorciano le distanze con un imperioso colpo di testa di Edmundson su cross dalla bandierina di Tavernier. A due minuti dalla fine, però, le Aspirine chiudono i conti, almeno per quanto riguarda il match di andata: Bailey, entrato nel corso del secondo tempo, è bravo a liberarsi sul filo del fuorigioco e a beffare McGregor con un preciso diagonale per l'1-3 finale.

WOLFSBURG-SHAKHTAR DONETSK 1-2
Lo Shakhtar Donetsk si presenta in casa del Wolfsburg dopo la clamorosa rimonta in casa del Benfica nel ritorno dei sedicesimi di finale, e conquista un'importante vittoria per 2-1 in ottica doppio confronto. Dopo un buon inizio dei padroni di casa, la squadra ucraina prende campo e passa al 17': cross al centro di Ismaily, Brooks prova a spazzare ma svirgola e dà l'opportunità a Moraes di colpire di testa indisturbato e portare in vantaggio i suoi. Al 22' arriva anche l'occasione per il raddoppio: l'arbitro Skomina, dopo aver consultato il Var, assegna un calcio di rigore per un tocco di mani di Arnold in area. Kovalenko va dal dischetto ma il suo tiro, debole e prevedibile, viene parato da Casteels. Una situazione simile, ma a parti invertite, accade al 44': è Matvijenko, stavolta, a colpire il pallone con la mano dopo una sfortunata carambola in area e l'arbitro, dopo aver rivisto l'azione alla moviola, assegna il tiro dagli undici metri ai tedeschi. Il rigore di Weghorst, però, è anche peggio di quello di Kovalenko: l'attaccante scivola malamente appena prima di colpire e il pallone finisce tra gli spalti vuoti alle spalle di Pyatov. Bastano 3 minuti del secondo tempo, ai padroni di casa, per trovare comunque il pareggio: sugli sviluppi di un corner la difesa ucraina si fa cogliere impreparata e lascia Brooks libero di vendicare l'errore del primo tempo e firmare di testa l'1-1. Gli ucraini però non si scompongono, riprendono a macinare gioco e si riportano in vantaggio al 73': una spettacolare punizione di Alan Patrick finisce sulla traversa, Marcos Antonio è lucido nell'intuire la traiettoria del pallone e ribadisce in rete con un bel tuffo, portando i suoi sul 2-1. Il Wolfsburg ci prova fino alla fine e sfiora il pareggio al 93' con Ginczek, ma l'attaccante subentrato pochi minuti di prima a Mehmedi è sfortunato e non centra la porta avversaria, proprio un attimo prima del fischio finale del direttore di gara.

OLYMPIACOS-WOLVERHAMPTON 1-1
Nonostante le rimostranze del Wolverhampton, che avrebbe preferito un rinvio dopo la notizia, risalente a martedì, della positività al Coronavirus del patron dell'Olympiacos (e del Nottingham Forest) Vangelis Marinakis, allo Stadio Georgios Karaiskakis si gioca regolarmente, seppure a porte chiuse, e i greci riescono a chiudere il match sull'1-1 nonostante 60 minuti di inferiorità numerica. Le due squadre si equivalgono nel primo tempo almeno fino al 28', quando Ruben Semedo lascia in dieci i suoi per l'atterramento al limite dell'area ai danni di Jota, in quella che l'arbitro Turpin interpreta come una chiara occasione da gol. La superiorità numerica, però, non solo non aiuta gli inglesi ad affondare, ma non evita nemmeno che l'Olympiacos si porti in vantaggio: protagonista, al 54', dell'azione del gol è Guilherme, visto in passato con la maglia dell'Udinese, che con una giocata splendida serve una precisa palla in mezzo per Youssef El Arabi, bravo a rubare il tempo ai difensori avversari e battere Rui Patricio. E' un altro ex del campionato italiano, però, a trovare il pari: la meteora laziale Pedro Neto, in campo da inizio ripresa al posto di uno spento Doherty, conclude dal limite e con l'aiuto di una deviazione supera Josè Sà per l'1-1. Il pareggio potrebbe galvanizzare gli inglesi, ma in realtà entrambe le squadre restano a corto di energie nell'ultima parte dell'incontro e si accontentano di un pari che in vista della partita di ritorno avvantaggia, almeno sulla carta, il Wolverhampton, autore di un gol in trasferta.

Vedi anche Europa League: Manchester United a valanga sul Lask Linz, il Basilea sorprende l'Eintracht Calcio estero Europa League: Manchester United a valanga sul Lask Linz, il Basilea sorprende l'Eintracht

Leggi Anche

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments