Coppa del Re, Real Madrid a fatica sul Girona: 4-2 con doppio Sergio Ramos

Nell'andata dei quarti i merengues sono trascinati dal capitano e da Vinicius

  • A
  • A
  • A

Nel segno del capitano. Grazie anche a una doppietta di Sergio Ramos, il Real Madrid supera il Girona per 4-2 nei quarti di andata di Coppa del Re. Sotto per 1-0 dopo 7', i merengues ribaltano il risultato con Vazquez e un rigore del suo centrale difensivo. Il Girona fa 2-2 nella ripresa con un penalty di Granell, poi Vinicius trascina i campioni d'Europa, entrando nel 3-2 di Ramos e nel 4-2 di Benzema. Nell'altro quarto, Espanyol-Betis 1-1.

REAL MADRID-GIRONA 4-2
Nel Real Madrid vanno in panchina Kroos e Varane, oltre a Isco, sempre più ai margini del progetto di Solari. Chi è sempre più inserito nei meccanismi dei campioni d'Europa è invece Vinicius jr, anche stavolta titolare in attacco insieme a Benzema e Lucas Vazquez. Il Girona ha eliminato l'Atletico Madrid agli ottavi, e non disdegna avere lo scalpo del Real. Le premesse sono buone: gli ospiti prendono subito possesso della metà campo avversaria, e approccia il match in maniera molto aggressiva. Gli uomini di Sacristan sono premiati al 7': errore di Marcelo che esce alto in pressione e apre un buco sulla destra dove si inserisce Carnero. Cross perfetto per Anthony Lozano, che batte Courtois. Sembra un'altra serataccia per il Real Madrid. A suonare la carica dovrebbe essere il Santiago Bernabeu, stasera molto lontano dal tutto esaurito (50.000 spettatori), ma il pubblico sembra quasi arreso di fronte alle difficoltà di una squadra che quest'anno ha già subito dieci sconfitte. Per evitare l'undicesima si accende Benzema, in campo nonostante il dolore alla mano. Il francese trova un ottimo corridoio per Odriozola, che mette al centro per Vazquez: facile l'appoggio in rete per il numero 17. È il 18', il Real trova il pareggio e si scuote, e come accade sempre più spesso è trascinato da Vinicius. Il brasiliano è un proiettile, la difesa del Girona è la sagoma del poligono, e non può che abbatterlo. Il problema è che lo fa in area: calcio di rigore al 42' per fallo di Lozano, Sergio Ramos con un tocco sotto batte Iraizoz ed esulta in stile “Yo estoy aquì”, alla Cristiano Ronaldo. 2-1, il Girona è alle corde e solo il palo colpito da Benzema evita un passivo più ampio all'intervallo. Nella ripresa Solari richiama in panchina Casemiro e Modric, usciti tra gli applausi, e mette in campo Marcos Llorente e Kroos, tornato dall'infortunio all'adduttore. Ma l'ennesimo patatrac difensivo è dietro l'angolo. Su un corner innocuo, Nacho spinge Marcos Llorente, che perde la coordinazione e colpisce di mano il pallone. Rigore inevitabile trasformato con sicurezza al 66' da Alex Granell. Il Real regala praticamente il pareggio al Girona. Soprattutto, le merengues danno continuamente l'impressione di dipendere da Vinicius: se il talento del 2000 abbassa i giri del motore, i blancos si adeguano. Quando il brasiliano spinge, il Real trova linfa vitale per attaccare. E allora al 77' Vinicius vince l'ennesimo duello sulla sinistra e appoggia a Marcelo. Il cross del terzino trova Sergio Ramos che incorna in rete il 3-2. Altro gol, stessa esultanza e ancora un messaggio in codice a CR7. Passano solo tre minuti, quando Vinicius sfodera dal repertorio l'assist di sinistro per Benzema, appostato sul secondo palo quasi come se fosse calcio a 5. Il francese non può sbagliare e segna il 4-2. Si chiude il primo atto, e il Real vuole tornare in semifinale di Coppa dopo cinque anni. Per farlo, oltre ai singoli, ha bisogno di una fase difensiva più attenta.

ESPANYOL-BETIS 1-1
Nell'ultimo quarto di finale di andata in programma, il Betis cerca di imporre il gioco, ma è l'Espanyol a passare per primo. Al 27' Sergi Darder prende d'infilata la difesa biancoverde, può tirare ma preferisce crossare per Piatti: il tiro al volo dell'argentino è sballato, ma diventa un assist perfetto per Borja Iglesias, che in estirada trova il decimo centro stagionale. Nella ripresa, Sanabria cerca il gol dell'addio (l'ex Roma e Sassuolo andrà al Genoa già nel mercato di gennaio). Prima lo cerca con la suola su azione da corner, ma Roberto è bravo a deviare in angolo. Poi lo trova su contropiede gestito magistralmente: Carvalho apre per Tello, cross sul secondo palo e Sanabria insacca in scivolata. L'attaccante viene poi sostituito tra gli abbracci dei compagni, possibile conferma dell'imminente partenza. È un gol pesante, che permette al Betis di guardare al ritorno con fiducia. Si deciderà tutto al Villamarin mercoledì 30.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments