Samp-Genoa 0-3 con Pavoletti-Suso

La squadra di Gasperini domina il derby, 3-0 nei gol e nel gioco. Super Suso e Pavoletti. Samp salva e contestata

  • A
  • A
  • A

Sampdoria-Genoa 0-3. Derby stravinto e dominato dal Genoa, con il gol-lampo di Pavoletti al 3' e la doppietta di Suso al 26' del primo tempo e al 29' della ripresa. Mai in dubbio il risultato, il Genoa torna a vincere il derby dopo due anni e mezzo. Mentre la Samp festeggia amaramente la raggiunta salvezza aritmetica, ed è contestata a fine gara: Ferrero ha lasciato la tribuna prima del fischio finale.

Primo tempo a due velocità. Quella del Genoa, piena e ricca di talento di cui fare sfoggio. Quella della Samp, una-due marce in meno. Una doppiezza che dura tutti i 45' minuti, col gol di Pavoletti al 3' (tocco sotto misura, su invito di Ansaldi) e il raddoppio di Suso al 26', che è un pezzo di bravura col sinsitro a giro che non dà scampo a Viviano.
Elementi di pregio in un costante senso di predominio in ogni zona del campo, la reazione doriana non esiste o meglio: non riesce a venire a capo dell'impeto e dell'agonismo genoano. Il gioco offensivo della Samp si appoggia quasi stancamente su Cassano che sta sulla trequarti, e a Quagliarella tocca l'arduo (e impossibile) compito di dare pensieri a Burdisso e De Maio. Lamanna ha un solo impegno da sbrigare, al 34' quando Soriano lo impegna nell'unico tiro doriano del primo tempo.
Il 2-0 che porta le squadre al riposo può essere un vantaggio minimo per quel che si è visto e per la qualità di occasioni capitate: come quella di Rincon poco prima del raddoppio di Suso e un paio di prelibatezze di Dzemaili.
Ripresa. Con una Samp meno scolorita, meno propensa a subire e basta. E' Quagliarella al 6', assist di Cassano, che colpisce da dentro l'area, in corsa, e Lamanna compie il prodigio di deviare il pallone. Un respiro per la squadra di Montella, perlomeno la voglia e la forza di reagire col rischio delle ripartenze genoane che possono -è evidente-  stordire. Entra Tachtsidis, poi è la volta di Correa per De Silvestri e per dare un senso maggiore al gioco offensivo.
Ma quel che la Samp non riesce a trovare (il gol), lo trova puntuale il Genoa con un contropiede -come si dice- da manuale, concluso dal magnifico Suso al 29' per il 3-0 che chiude, di fatto, i conti del reato mai riaperti. La traversa di Fernando poco dopo è soltanto il rammarico doriano di veder svanito il gol di una impossibile consolazione
E' la festa del Genoa che torna a vincere il derby dopo due anni e mezzo. E' la salvezza assicurata per la Samp, che col Carpi sconfitto si garantisce la Serie A. Ma la desolazione per lo 0-3 apre la contestazione dei tifosi, Ferrero se ne va prima del finale e questa è la morale doriana di un campionato sbagliato.

Viviano 6 -  Tre gol presi e due-tre grandi parate. La sufficienza gli spetta.
Diakité 5 - Problemi costanti con le incursioni di Pavoletti.
Soriano 5,5 - Non ci sono tracce evidenti del suo talento, un tiro sul finire del primo tempo.
Fernando 6 - La traversa, subito dopo il 3-0 genoano.
Cassano 6,5 - Il meno peggio, o il migliore dei suoi. Cerca giocate, offre palloni come sa fare, combatte. 
Quagliarella 6 - Poca luce, una palla-gol e la ricerca di spazi. E'  troppo solo nell'area genoana.
Lamanna 6,5 - Sul 2-0 allontana i pericoli di Soriano e Quagliarella, potevano riaprire qualche discorso.
De Maio 6,5 - La guardia a Cassano, qualche problema da affrontare e sempre come si deve.
Ansaldi 7 - Nel primo tempo è l'arma (quasi) letale sulla corsia di destra.
Rincon 7 - Partita solida, da dominatore del centrocampo.
Suso 8 - Il voto lo meriterebbe solo per la bellezza del gol del 2-0, un'opera d'arte. Ma è bravo da cima a fondo del derby.
Pavoletti 8 - Un gol e due assist, per un attaccante che sa come si fa. L'attaccante.

SAMPDORIA-GENOA 0-3
Sampdoria (3-5-1-1): Viviano 6; Diakité 5, Silvestre 5,5, Cassani 5; De Silvestri 6 (13' st Correa 6), Soriano 5,5, Palombo 5 (28' st Sala 5,5), Fernando 6, Dodò 5; Cassano 6,5; Quagliarella 6 (40' st Muriel sv). A disp.: Brignoli, Puggioni, Skriniar, Pereira, Ranocchia, Christodoulopoulos, Ivan, Barreto, Alvarez. All. Montella 5
Genoa (3-5-2): Lamanna 6,5; De Maio 6,5, Burdisso 6, Izzo 6,5; Ansaldi 7, Rigoni 6,5 (9' st Tachtsidis 6), Rincon 7, Dzemaili 6,5 (21' st G. Silva 6), Laxalt 6,5; Suso 8 (42' st Munoz sv), Pavoletti 8. A disp.: Donnarumma, Sommariva, Marchese, Fiamozzi, Ntcham, Lazovic, Capel, Pandev, Matavz. All. Gasperini 7
Arbitro: Banti
Marcatori: 3' Pavoletti (G), 26' Suso (G), 29' st Suso (G)
Ammoniti: Viviano, Diakité, Soriano, Fernando, Sala (S), De Maio, Suso, Rincon, Burdisso (G)
Espulsi: --
Note: --