LE PAROLE

Calcio, l'AIC: "Nessuno sciopero, ma serve garantire la sicurezza"

Il vicepresidente dell'Assocalciatori: "Temiamo le conseguenze di uno stop, ma dobbiamo prima di tutto assicurare la salute dei nostri associati"

  • A
  • A
  • A

L'Associazione Italiana Calciatori assicura che non ci sarà uno sciopero, ma continua a interrogarsi sull'opportunità di continuare a disputare il campionato: "A nostro modo di vedere non ci sono le condizioni per garantire la sicurezza ai nostri associati e bisogna ridurre al minimo le nostre attivita - ha detto il vicepresidente Umberto Calcagno a Radio Punto Nuovo - Il messaggio che dobbiamo dare è quello di starcene in quarantena oppure no? Per noi oggi la funzione sociale è quella di mandare il messaggio, di far capire in che stato siamo. I calciatori non sciopereranno - ha aggiunto - ma la nostra richiesta è quella di sapere se è logico andare avanti. Ci devono garantire che possiamo fare spostamenti, rientrare o uscire dalle zone rosse. È ovvio che ho paura delle conseguenze di uno stop, ma devo prima di tutto garantire la salute ai miei associati".

Calcagno è tornato sulla bozza di sciopero che era spuntata domenica pomeriggio in pieno svolgimento del recupero della 26esima giornata di campionato: "La bozza è stata fatta perché molti giocatori non volevano giocare, credo fosse necessaria in realtà solo l'astensione. Lo sciopero non sarebbe comunque stata la strada migliore, bisognava attenersi ai decreti ministeriali. In Lombardia ci hanno chiesto giocatori come testimonial per dare un messaggio agli italiani di non uscire e poi li vediamo in TV che si baciano e abbracciano...".

Vedi anche Coronavirus, Tommasi su Twitter: "Fermiano il campionato" Serie A Coronavirus, Tommasi su Twitter: "Fermiano il campionato"

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments