IMPRESA CHAMPIONS

Atalanta, festa in aeroporto: cori e fumogeni dei tifosi

In 1.500 hanno atteso il ritorno della squadra dalla trasferta ucraina, poi il corteo è arrivato a Zingonia

  • A
  • A
  • A

A Bergamo la notte è come non fosse mai arrivata: merito dei circa 1.500 tifosi che, con cori, fumogeni e striscioni, hanno illuminato il cielo e festeggiato il ritorno dall'Ucraina dell'Atalanta con in tasca la storica qualificazione agli ottavi di Champions League. Una festa partita all'aeroporto di Orio al Serio, proseguita in strada con una scia di persone che ha seguito il bus nerazzurro fino al centro sportivo di Zingonia dove, erano le 3 passate, la squadra (non senza un ultimo brindisi) si è rilassata daopo l'impresa contro lo Shakhtar.

L'Atalanta è atterrata in Italia verso le 2, quando erano già oltre un migliaio le persone in attesa allo scalo di Bergamo: tanti cori per la squadra (soprattutto verso Gomz e Muriel) ma il più acclamato è stato Gian Piero Gasperini, l'artefice di questo miracolo. Mentre altre 700 persone stavano festeggiando in centro città, il corteo di tifosi ha accompagnato il pullman nerazzurro sino a Zingonia dove la squadra ha potuto ammirare il maxi-striscione (apposto subito dopo il fischio finale della partita, verso le 23) "Sempre con te, orgogliosi di voi!".

Infine, una volta dentro il centro sportivo giocatori e staff tecnico si sono concessi un ultimo brindisi prima di cercare di dormire qualche ora. È tempo di preparare la trasferta di campionato a Bologna, è vero, ma con tanta adrenalina in corpo, anche Gasperini avrà lasciato qualche ora supplementare di relax alla squadra...

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments