Nba, Nowitzki annuncia il ritiro in lacrime: addio a Dallas dopo 21 stagioni

Dopo la vittoria sui Suns, il 41 dei Mavericks ufficializza l'addio al basket: “È stata una lunga e magnifica cavalcata”

  • A
  • A
  • A

Dopo essere stato nell'aria per mesi, adesso è ufficiale: Dirk Nowitzki ha annunciato che questa è stata la sua ultima stagione Nba e lo ha fatto davanti al suo pubblico, accorso in massa all'American Airlines Center per salutare WunderDirk per l'ultima volta dopo 21 stagioni leggendarie, vissute sempre con la maglia dei Dallas Mavaricks. Addio in lacrime per il tedesco, che dopo la gara vinta contro Phoenix (in cui ha segnato 30 punti come non gli capitava da tre anni), con la luce puntata solo su di lui e con la voce rotta dall'emozione, ha annunciato: “Questa è la mia ultima partita casalinga”. "Sto provando a respirare come mi hanno insegnato a yoga ma non sembra funzionare - ha aggiunto molto emozionato - Per me è stato un anno davvero duro, soprattutto fisicamente. Voglio ringraziare i miei compagni per essermi stati vicini. Ne ho avuti circa 200 lungo la mia carriera e sono stati tutti grandiosi. Abbiamo fatto una cavalcata incredibile, nonostante tutti gli alti e bassi, con voi tifosi che siete sempre stati al mio fianco. Il vostro supporto è stata la cosa che ho più apprezzato".

Il momento che in Texas sembrava non arrivare mai è diventato realtà, nonostante il pubblico (con tanto di magliette 41.21.1) abbia tentato di far cambiare idea a Nowitzki in ogni modo: “One more year” (un anno in più), “One more year” cantavano i tifosi, ma quando l'annuncio è diventato ufficiale il coro si è trasformato semplicemente in 'Grazie Dirk'. Per rendere omaggio al tedesco che ha cambiato la storia dell'Nba sono scese sul parquet vere e proprie leggende come Larry Bird, Charles Barkley, Scottie Pippen e Shawn Kemp, tutti uniti per salutare il 14 volte All-Star, che ha avuto anche la forza di scherzare: “Grazie ai Suns, che mi hanno lasciato segnare qualche canestro stasera".

L'ultima gara della sua carriera la giocherà in trasferta sul parquet di San Antonio, poi sarà davvero finita. Nowitzki lascia l'Nba dopo 21 stagioni di fedeltà alla franchigia di Dallas, un anello conquistato nel 2011 contro gli Heat di LeBron James, un premio di Mvp della Regular Season (2006/2007) e uno delle Finals (2011). Ma soprattutto lascia dopo 14 convocazioni all'All-Star Game e da sesto realizzatore ogni tempi della storia della Lega (superato Wilt Chamberlain nella speciale classifica).

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments