Parigi-Roubaix: vince Van Avermaet

Il belga della Bmc trionfa in volata davanti a Stybar e Langeveld. Straordinaria la prova del 22enne trentino

  • A
  • A
  • A

Greg Van Avermaet trionfa nella 115esima edizione della Parigi-Roubaix, imponendosi in volata davanti a Zdenek Stybar (Quick-Step Floors) e Sebastian Langeveld (Cannondale). Quinto uno straordinario Gianni Moscon del team Sky. Tra i protagonisti anche Daniel Oss, compagno in Bmc del vincitore di giornata. Nulla da fare per Tom Boonen che dà il suo addio al ciclismo senza riuscire a conquistare per la quinta volta 'l'Inferno del Nord'.

Dopo quasi 100 chilometri di studio, Jelle Wallays della Lotto Soudal e Mickael Delage della FDJ tentano la fuga avvantaggiandosi sul gruppo dei migliori ma vengono poi ripresi sui primi tratti di pavé dal plotone comandato magistralmente, attraverso la mitica Foresta di Arenberg, da Matteo Trentin, compagno di Boonen alla Quick-Step Floors). Col passare dei chilometri sale in cattedra Daniel Oss della Bmc che tenta più volte l'iniziativa personale trovandosi da solo in testa ai meno 40 con 14 corridori (tutti i big) alle sue spalle. Sul penultimo stratto di pavé si decide la corsa con lo scatto decisivo di Greg Van Avermaet (Bmc), Sebastian Langeveld (Cannondale) e Zdenek Stybar (Quick-Step Floors). I tre temporeggiano nel velodromo, subiscono l'aggancio di uno splendido Moscon seguito da Stuyven (Trek) ma riescono comunque a giocarsi la volata, vinta in maniera netta da un sontuoso Van Avermaet davanti a Stybar e Langeveld. Quinto il 22enne trentino della Sky. Più indietro Boonen he saluta il ciclismo mancando il quinto trionfo alla Roubaix mentre il campione del mondo Peter Sagan non è riuscito ad inserirsi nella fuga decisiva.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments