GIRO DI LOMBARDIA

Caso Evenepoel, l'Uci chiude l'inchiesta: "Nessuna prova di doping"

Indagine nata dopo che il ds Bramati aveva tolto in tutta fretta un misterioso oggetto dalla tasca del corridore precipitato in una scarpata

  • A
  • A
  • A

La Cycling Anti-Doping Foundation, che gestisce l'antidoping per l'Uci, ha annunciato di aver concluso le indagini aperte in seguito all'incidente di Remco Evenepoel durante il Giro della Lombardia. Ad alimentare dubbi e sospetti era stato un video che ritraeva il ds Bramati mentre toglieva in tutta fretta un oggetto misterioso dalla tasca del ciclista precipitato in una scarpata. "Non è stato commesso nessun reato di doping" la motivazione.

Getty Images

"Dopo aver ascoltato tutti gli interessati, inclusi il pilota ei rappresentanti della squadra, e aver studiato le immagini disponibili, il CADF ha concluso che non era stato commesso alcun reato antidoping e considera il caso chiuso a meno che che nuovi elementi non vengono portati alla sua attenzione successivamente" si legge nel comunicato. Il CADF non specifica quale fosse l'oggetto in questione, mentre Davide Bramati e il team Deceuninck-Quick-Step hanno affermato che si trattava solo di una barretta energetica.

Vedi anche Evenepoel, Uci apre inchiesta su video sospetto dopo la caduta ciclismo Evenepoel, Uci apre inchiesta su video sospetto dopo la caduta

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments