Fenati, Tribunale Fmi conferma la sospensione cautelare della licenza velocità

La decisione è arrivata dopo l'audizione del pilota ascolano a Roma

Fenati, Tribunale Fmi conferma la sospensione cautelare della licenza velocità

Il Tribunale della Federazione motociclistica italiana, dopo aver ascoltato in audizione a Roma Romano Fenati, ha confermato la sospensione cautelare dall'attività sportiva e federale richiesta dal procuratore Antonio De Girolamo. Il pilota ascolano, presente nella Capitale assieme al suo legale, ha lasciato il Palazzo del Coni senza rilasciare dichiarazioni. La sanzione arriva in relazione alla folle manovra in rettilineo di Fenati contro Stefano Manzi durante il GP di San Marino di Moto2.

A comunicare la decisione è stato il Procuratore Federale Antonio de Girolamo: "il Tribunale ha confermato il provvedimento di sospensione cautelare sia dall'attività sportiva che federale adottato nei confronti di Fenati". Per il pilota, dunque, resta valida la sospensione della licenza velocità.

Il procedimento disciplinare e le relative tempistiche sono ora rimessi al Procuratore Federale che entro due mesi espleterà eventuali ulteriori indagini preliminari. Durante questo periodo, la misura cautelare rimane in vigore. Il procedimento disciplinare seguirà quindi il suo corso all'esito del quale il Procuratore Federale deciderà se deferire Romano Fenati al Tribunale Federale.

TAGS:
Motomondiale
Tribunale FMI
Fenati
Sospensione

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X