Yacht confiscato: Briatore condannato a 1 anno e 11 mesi

L’ex manager di Formula 1 finito sotto inchiesta per reati fiscali. La difesa: "Ricorreremo in appello"

Flavio Briatore (IPP)

Flavio Briatore è stato condannato a 1 anno e 11 mesi con la condizionale dai giudici del Tribunale penale di Genova per reati fiscali legati al noleggio dello yacht Force Blue. I fatti risalgono al 2010 quando l'imbarcazione fu sequestrata dalla Guardia di Finanza con a bordo la moglie dell'ex manager di Formula 1 Elisabetta Gregoraci, il figlio Nathan Falco e una ventina di membri dell'equipaggio. Disposta anche la confisca dello yacht.

I giudici hanno condannato alla stessa pena di 1 anno e 11 mesi anche il comandante dell’imbarcazione Ferdinando Tarquini e Dominique Warluzel, e al pagamento di 7 milioni di euro Maria Pia De Fusco. Assolta invece Eckle Teyssedou perché il fatto non costituisce reato. Gli ultimi tre imputati sono stati amministratori della Autumn Sailing, società proprietaria dello yacht. 
 
I pubblici ministeri Patrizia Petruzziello e Walter Cotugno avevano chiesto una condanna di 4 anni per Briatore e gli altri imputati, colpevoli di avere utilizzato il Force Blue per uso diportistico in acque territoriali italiane dal luglio 2006 al maggio 2010 senza versare la dovuta Iva all'importazione per 3,6 milioni di euro e di aver indicato l'uso di carburante come esente dalle accise. I legali di Briatore, dopo la lettura della sentenza, attaccano: "Risultato che non ci aspettavamo, ricorreremo in appello". 

TAGS:
Flavio briatore yacht

Invia un commento

Per poter inviare, rispondere o votare un commento, occorre essere registrati ed effettuare il login

Registrazione Login X

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che: 

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X