SportMediaset

Roma-Palermo 5-0: Dzeko e Salah smorzano le polemiche

I giallorossi dominano all'Olimpico, in gol anche Keita. Si è rivisto in campo Strootman

di MAX CRISTINA

Finisce in trionfo per la Roma la giornata che ha visto la rottura tra Spalletti e Totti. Con il capitano in tribuna, i giallorossi hanno demolito 5-0 il Palermo nel posticipo serale della ventiseiesima giornata di Serie A. Dopo i cori pro-Totti, i giallorossi si sono scatenati andando in vantaggio con Dzeko al 30' (bis all'89') e dilagando nella ripresa con il gol di Keita (52') e la doppietta di Salah (60' e 62'). Un quarto d'ora per Strootman.

LA PARTITA

Novanta minuti per dimenticare, voltare pagina e pensare ad altro. Tanto è bastato alla Roma di Spalletti per vivere due serate in una nella sfida contro il Palermo del Iachini-bis, vittima sacrificale un po' per carenze strutturali un po' perché forse una delle giornate più difficili della storia giallorossa doveva finire così. Dai fischi a Spalletti per la scelta, fortissima, di spedire in tribuna Totti allotanandolo da Trigoria, agli applausi per il 5-0 che consegna alla Roma la quinta vittoria consecutiva in campionato e la scia della Fiorentina in chiave Champions. La standing ovation dell'Olimpico però è stata tutta per il ritorno in campo di Kevin Strootman.

Se una partita c'è stata, in termini di equilibrio, è durata meno di mezz'ora. Complice un ambiente scosso, al limite tra l'arrabbiato e lo spettrale per l'atto di lesa maestà nei confronti della storia romana e romanista con i tifosi platealmente schierati, l'approccio al match della Roma è stato decisamente soft. La tattica attendista di Iachini tornato alla difesa a tre (in questo caso a cinque) con un baricentro piuttosto basso ha permesso ai rosanero di passare indenni la prima parte di gara, poi è cambiato tutto in un cerchio di emozioni aperto e chiuso da Edin Dzeko. La prima occasione infatti è clamorosa. Al 28' Maicon serve al bosniaco un pallone solo da appoggiare in rete, ma l'ex City lo tocca incredibilmente a lato facendo aumentare i decibel della contestazione. Il punto più basso da cui però la Roma ha saputo ripartire subito. Nemmeno il tempo di contestare seriamente il numero 9 che lo stesso Dzeko, da attaccante puro come lo ricordiamo, sblocca il risultato stoppando di petto in area e infilando il giovane Alastra di sinistro. Un sospiro di sollievo, per lui e per tutti, forse anche per Totti, mentre prima dell'intervallo la solita punizione al veleno di Pjanic si stampa sul palo.

Nella ripresa, invece, gioca solo la Roma. Non c'è storia e lo si capisce già al 47' quando Nainggolan spacca in due la difesa servendo Maicon che al volo spara alto. Poi il blackout del Palermo che nel giro di dieci minuti capitola tre volte. Seydou Keita sugli sviluppi di un corner trova un colpo da calcetto infilando l'angolo alto con la punta, prima che si scateni Momo Salah. L'egiziano, a secco davanti ai propri tifosi da diverse settimane, prima trova il diagonale del 3-0 approfittando dell'ottimo assist di Dzeko, poi si inventa il poker battendo Alastra dalla linea di fondo, alla Ravanelli o Bobo Vieri, per capirci. L'apice dei decibel viene toccato al 78' quando Spalletti invita Strootman a tornare in campo dopo tredici mesi di attesa trasformando gli applausi in standing ovation. Il 5-0 ancora di Dzeko all'89' è valido solo per le statistiche e per il morale del bosniaco. Per Iachini, invece, un ritorno in panchina da incubo con la consapevolezza di dover lavorare molto per non rendere il finale di stagione del Palermo un incubo ben peggiore di quello vissuto finora.

LE PAGELLE

Salah 7,5 - Con gli spazi intasati sbatte contro il muro rosanero per un'ora abbondante, poi trova la chiave e si scatena. Il secondo gol, direttamente dalla linea di fondo dopo aver dribblato il portiere, è una perla che verrà ricordata a lungo

Gonzalez-Andelkovic 4,5 - Serata da incubo, ancora una volta, per i due centrali. Il pallone non lo vedono praticamente mai

Nainggolan 7 - Motorino instancabile in mezzo al campo e l'uomo capace di trasformare con qualità e rapidità le azioni

Dzeko 7,5 - L'errore a porta vuota è un qualcosa di incredibile. Fortuna per lui e per la Roma si è fatto ampiamente perdonare trovando subito dopo il gol del vantaggio, l'assist per Salah e la doppietta nel finale

Jajalo 4 - A centrocampo è surclassato dagli avversari. Un buco continuo a ritmo più che blando davanti alla difesa

IL TABELLINO

ROMA-PALERMO 5-0
Roma (4-3-2-1):
Szczesny sv; Maicon 6,5 (33' st Strootman 6), Manolas 6,5, Rüdiger 6, Digne 6; Pjanic 6,5 (27' st Iago Falque 6), Nainggolan 7, Keita 6,5; Salah 7,5 (41' st Perotti 6), Florenzi 6; Dzeko 7,5. A disp.: De Sanctis, Zukanovic, Castan, Vainqueur, Uçan, El Shaarawy. All.: Spalletti 7
Palermo (3-5-2): Alastra 5; Struna 5, Gonzalez 4,5, Andelkovic 4,5; Morganella 5, Hiljemark 5, Brugman 4 (12' st Trajkovski 5), Jajalo 4, Pezzella 5; Vazquez 5 (27' st Maresca 5), Gilardino 5 (27' st Djurdjevic 5). A disp.: Posevac, Vitiello, Cristante, Rispoli, Chochev, Cionek, Balogh, Quaison, Bentivegna. All.: Iachini 5
Arbitro: Giacomelli
Marcatori: 30' Dzeko, 7' st Keita, 15' st Salah, 17' st Salah, 44' st Dzeko
Ammoniti: Struna (P)
Espulsi: nessuno

TAGS:
Serie A
Roma
Palermo
Pagelle
Tabellino