Sport ora per ora

MOTOGP, AGOSTINI: "BAGNAIA, STAI ATTENTO A MARQUEZ"

  • A
  • A
  • A
Ora per ora placeholder

“È un campionato molto interessante e combattuto, vediamo delle gare meravigliose, abbiamo Bagnaia che sta rimontando bene i punti persi all’inizio: siamo tutti felici”. Le parole di Giacomo Agostini, leggenda delle due ruote e 15 volte campione del mondo di motociclismo, a Gli Sportivi della Domenica su Radio Cusano Campus, sono la fotografia gioiosa del Motomondiale 2024 e dei piloti in lizza per il titolo, primo tra tutti Francesco “Pecco” Bagnaia. Per Agostini “Marquez e Martin sono gli unici due che lo possono contrastare”, pur considerando che Marquez corre ancora con la moto del 2023. I cambiamenti della MotoGP, specialmente tecnologici, non trovano l’ex campione del mondo totalmente d’accordo: “C’è molta elettronica, le gomme sono difficili da portare a termine in una gara. Fortunatamente è cambiata la sicurezza: hanno fatto grandi cose per le piste, che sono molto più sicure, i piloti hanno i caschi integrali più efficaci, l’airbag che hanno tutti, la sicurezza è un grande vantaggio”. Oggi è più semplice correre? Teoricamente sì, in pratica è diverso. “Il problema, tra virgolette, è l’elettronica: se chiedi a un ingegnere di togliere un po’ elettronica, ti dice di no perché poi un pilota non riesce più a guidare la moto. Io vorrei che il pilota avesse più responsabilità, che la vittoria sia più per lui e non per la tecnologia. C’è una lotta tra gli ingegneri, che fanno il loro lavoro, e il pilota che deve sottostare alla tecnologia per poter guidare una moto con tanta potenza”. Per quanto riguarda lo scouting dei piloti oltre la Moto GP, nelle categorie di minor potenza ci sono nuovi campioni? “Sì, sono la prima classe per iniziare a andare in moto. Quest’anno ne abbiamo pochi, ne abbiamo avuto altri in anni passati che poi sono passati quasi subito alla Moto GP: adesso dobbiamo creare altri piccoli piloti che comincino a vincere per poi promuoverli. Quest’anno siamo scarsi, stanno vincendo tanto gli spagnoli”. Chi sarà il prossimo Agostini o il prossimo Valentino Rossi? “Abbiamo Bezzecchi, abbiamo Bagnaia che ha vinto già due campionati del mondo ma è giovane… Ne abbiamo due-tre buoni, devono farsi un po’ di esperienza. Ci auguriamo che arriveranno”.

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 commenti