Nations League, Germania-Olanda 2-2: gli Orange volano alla Final Four al 91'

Werner e Sané illudono i tedeschi, ma la squadra di Koeman trova il pareggio nel finale grazie a Promes e Van Dijk

  • A
  • A
  • A

Nell'ultimo match del Gruppo A1 della Nations League, l'Olanda pareggia in rimonta contro la Germania e si qualifica per la Final Four. A Gelsenkirchen finisce 2-2, con i tedeschi che volano sul 2-0 nei primi 20' grazie a Werner e Sané ma poi crollano nel finale: Promes accorcia le distanze all'85' prima della rete decisiva firmata Van Dijk al 91'. La squadra di Koeman chiude a 7 punti come la Francia, ma vince il girone grazie agli scontri diretti.

LA PARTITA
Sei minuti di fuoco, nei quali emerge tutta la fame di una nazionale che ha mancato la qualificazione agli ultimi due appuntamenti più importanti: l'Europeo del 2016 e il Mondiale 2018. L'Olanda, a Gelsenkirchen, tra l'85' e il 91' trova la forza di rimontare due reti alla Germania e centra così il pass per la Final Four della Nations League: un 2-2 che beffa i tedeschi e soprattutto i campioni del mondo della Francia, che con 7 punti restano dietro agli uomini di Koeman a causa degli scontri diretti che sorridono all'Olanda.

Nella prima parte di gara la Germania sembra decisa nel tornare a fare la Germania. La nazionale di Löw, ultima e retrocessa in Serie B con due punti in quattro partite, parte forte e trova il doppio vantaggio dopo soli 20'. Merito di Werner e di Sané, ma anche del 3-4-3 scelto dal ct tedesco, che prosegue con il rinnovamento di uomini e idee. Il tridente dei padroni di casa è completato dal 23enne Gnabry, che dopo 9 minuti serve al centravanti del Lipsia la palla dell'1-0: l'ex Stoccarda è bravo a rubare il tempo a De Ligt e a infilare Cillessen con un bel destro all'angolino. Il bis, firmato Sané, mette in luce tutta l'inesperienza degli Orange, sorpresi dal lancio lungo di Kroos per l'esterno del City: Tete e De Ligt si fanno prendere in mezzo e il tedesco è bravo a colpire con un mancino velenoso.

L'Olanda sembra scarica e svuotata, a tratti anche svogliata. E anche la ripresa non inizia troppo bene per la squadra di Koeman, incapace di mettere in difficoltà una Germania attenta e grintosa. A Parigi, dove la Francia domani sarà impegnata in amichevole contro l'Uruguay, probabilmente qualcuno stava già iniziando a muoversi per organizzare la Final Four di giugno quando all'improvviso gli Orange cambiano ritmo. Nell'ultimo quarto d'ora gli ospiti alzano intensità e baricentro: Depay impegna Neuer al 78', poi Promes - servito dall'atalantino De Roon - accorcia le distanze con una conclusione all'incrocio quando mancano 5 minuti al 90'. E' la scintilla che incendia l'Olanda fino alla zampata di capitan Van Dijk, straordinario con l'inserimento in mezzo all'area che vale il 2-2 nel primo minuto di recupero. Dopo tre anni ai margini, il calcio mondiale ritrova una delle sue più grandi protagoniste.

IL TABELLINO

GERMANIA-OLANDA 2-2
Germania (3-4-3): Neuer; Süle, Hummels, Rudiger; Kehrer, Kroos, Kimmich, Schulz; Gnabry (21' st Müller), Werner (18' st Reus), Sané (35' st Goretzka). All.: Löw
Olanda (4-3-3): Cillessen; Tete, Van Dijk, De Ligt, Blind; De Roon, F. De Jong, Wijnaldum (15' st Vilhena); Promes, Depay, Babel (46' Dilrosun, 21' st L. De Jong). All.: Koeman
Arbitro: Hategan (Romania)
Marcatori: 9' Werner (G), 19' Sané (G), 40' st Promes (O), 46' st Van Dijk (O)
Ammoniti: 
Hummels, Kroos, Kimmich (G); Wijnaldum (O)
Espulsi: -

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments