Nations League, si inizia col botto: a Monaco c'è Germania-Francia

La nuova competizione Uefa si apre con una supersfida all'Allianz Arena, fischio d'inizio alle 20.45 e diretta su Canale 5 e in streaming sul nostro sito

  • A
  • A
  • A

Non poteva esserci un inizio migliore per la nuova Nations League, la competizione per nazionali voluta dalla Uefa che questa sera all'Allianz Arena mette di fronte i neo campioni del mondo della Francia e la Germania che trionfò in Brasile nel 2014 (diretta alle 20:45 su Canale 5 e in streaming su Sportmediaset.it). I tedeschi del confermato Loew, ct più longevo sulla panchina di una nazionale europea, vogliono dimenticare la cocente delusione di Russia 2018 e riscattarsi subito, mentre i Galletti di Deschamps, una delle nazionali con l'età media più bassa dell'intera competizione, sono chiamati a una conferma importante a circa due mesi dalla grane festa per il trionfo iridato. Germania e Francia sono inserite nel Gruppo 1 della Lega A insieme all'Olanda.

Dopo l'umiliazione subita in Russia c'è aria di grande cambiamento in casa tedesca, per questo Loew, che ha definitivamente chiuso le porte della Nazionale a Ozil, ha intenzione di cambiare sistema di gioco e molti interpreti, puntando in particolar modo su aluni giovani che nel 2017 facevano parte dell'Under 21 che ha conquistato Europei e Confederations Cup (tra i quali c'è anche il talento del Manchester City Sané, grande escluso dagli ultimi Mondiali).
Per quanto riguarda i francesi invece c'è poco da cambiare, Deschamps ha convocato tutti quelli presenti in Russia ad eccezione dell'infortunato Lloris e punterà ancora sulla qualità di Pogba, sulla velocità di Mbappé e sulla fame di Griezmann, che dopo una stagoine ricca di successi non ha nascosto di aspirare al prosimo Pallone d'Oro
Le probabili formazioni 

Germania-Francia in diretta alle ore 20.45 su Canale 5
Telecronaca: Pierluigi Pardo e Aldo Serena, a bordo campo Alessio Conti
A seguire: “Speciale Nations League”, condotto da Giorgia Rossi, ospiti Alessio Tacchinardi e Massimo Paganin

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments