MotoGP Aragon, Dovizioso: "Per nulla soddisfatto, servirà una super partenza"

Petrucci ammette le difficoltà: "Stiamo soffrendo, difficile trovare una spiegazione", Rossi: "Per il podio c'è ancora da lavorare"

  • A
  • A
  • A

Mastica amaro Andrea Dovizioso, dopo le qualifiche del GP d'Aragona, chiuse con il 10° tmepo: "Non sono assolutamente soddisfatto, anche perché sarebbe stato fondamentale partire nelle prime due file - ha detto il forlivese della Ducati - Qui possiamo giocarci il podio, a differenza di Misano. Però ho fatto un errore alla 12 e ho dovuto abortire il giro migliore. È un vero peccato, ora dobbiamo lavorare sul passo e fare una partenza ottima. Io credo e spero di avere il passo per il podio, ma devo mettermi in una posizione giusta al via. Il problema di grip in piega? In queste ultime due piste è emerso sicuramente, ma lo hanno vissuto anche gli altri. Forse noi lo soffriamo di più".

Non alimenta troppe speranze Valentino Rossi, che si dice soddisfatto della qualifica, ma non si fa troppe illusioni per la gara: "È stata una giornata piuttosto positiva - ha detto il Dottore - Partire in seconda fila è sempre buono, perché vuol dire essere vicino ai primi ed essere tra i più veloci. C'è qualcuno che ha il passo migliore di noi, sicuramente. Penso che per arrivare sul podio c'è ancora qualcosa da fare, ma stiamo lavorando per quell'obiettivo. Ci sono tanti piloti con un passo simile, quindi penso che sarà una gara interessante".

Grande sofferenza anche per Danilo Petrucci, addirittura 15° e per il secondo weekend di fila non in grado di superare il Q1: "È stata una qualifica difficile per le Ducati, solo Miller (4°, ndr) si è difeso bene. Stiamo soffrendo, è un momento difficile. Stiamo cercando di fare il massimo, ma rispetto all'anno scorso siamo peggiorati tra Misano e qui. È difficile trovare una spiegazione. La moto ha poco grip quando siamo al massimo angolo di piega e questo rende tutto complicato, specialmente per me che ho bisogno di tanto grip. Quando i risultati non arrivano è difficile vedere uno spiraglio e risalire la corrente, io però ce la sto mettendo tutta e anche oggi penso che abbiamo fatto il massimo".

Gioie e dolori per Andrea Iannone, che per la prima volta in stagione è riuscito a centrare l'accesso al Q2, chiudendo poi con l'11° tempo: "Sono molto dolorante - ha detto il pilota Aprilia, reduce da un infortunio alla spalla - All'inizio della qualifica avevo un po' più di energia e con il tempo fatto nel Q1 avrei potuto partire 7°. È andata così, è comunque un grande risultato. Sicuramente abbiamo ancora problemi da risolvere. Scivolo tanto quando sono in piega e questo rende tutto più complicato. Per l'Aprilia comunque è un ottimo sabato, negli ultimi anni abbiamo fatto bene anche in gara qui ad Aragon, vedremo come andrà".

Commenta Disclaimer

I vostri messaggi 0 comments