Moto2, tragedia a Barcellona: è morto Salom

Lo spagnolo è caduto e ha sbattuto contro la sua stessa moto durante le prove libere. Trasportato in ospedale, non c'è stato niente da fare per lui. Si correrà ugualmente nel weekend

  • A
  • A
  • A

Tragedia a Barcellona. Durante le prove libere della Moto2 Luis Salom è stato vittima di una brutta caduta e ha perso la vita in seguito alle ferite riportate. Lo spagnolo, 24 anni, era finito a terra alla curva 12, rimanendo a terra immobile nella ghiaia. Salom è stato subito soccorso dai dottori del tracciato e quindi trasportato in ambulanza al centro medico del circuito. Poi la corsa in ospedale, ma per lui non c'è stato nulla da fare.

Subito dopo l'incidente, sul posto era stato fatto atterrare anche l'elicottero, ma si era optato per il trasporto in ambulanza all'Ospedale Universitario Generale di Catalogna per permettere ai rianimatori di seguire Salom da vicino. La sessione è stata immediatamente sospesa con la bandiera rossa e poi cancellata a 24'39" dal termine per motivi di sicurezza. Dalle immagini del circuito chiuso si vede che Salom scivola, perdendo il controllo dell'anteriore. A questo punto la moto finisce contro l'air-fence e quindi lo stesso Luis va a sbattere contro la sua Kalex. Un impatto violentissimo e purtroppo fatale.

"E' con grande tristezza che dobbiamo informare del decesso del pilota Luis Salom, del team SAG, per l'incidente avvenuto al circuito di Catalogna. A causa della gravità delle sue condizioni, è stato deciso di trasferirlo in ospedale in ambulanza al vicino Ospedale Generale di Catalunya. Al suo arrivo, Salom è stato sottoposto ad intervento chirurgico, ma nonostante gli sforzi del team medico, è spirato alle 16.55", il comunicato della Dorna.

La morte di Luis Salom non fermerà le corse al Gp di Catalogna. Nel weekend si correrà sul tracciato usato per il mondiale di Formula 1. Lo ha fatto sapere l'organizzazione del motomondiale, informando che "la decisione di continuare con il programma è stata presa in accordo con la famiglia di Salom, i piloti, le squadre e la Commissione di sicurezza, la quale ha deciso invece di disputare le restanti libere, le qualifiche e le gare su un nuovo percorso modificato".